Migranti, la soluzione di Zaia: "Porti chiusi e centri di accoglienza in Africa"

Per il presidente del Veneto non ci sono alternative. "Non c’è più tempo, se ne è colpevolmente perso troppo quando era il momento di agire"

Passare dalle parole ai fatti perché "non c’è più tempo, se ne è colpevolmente perso troppo quando era il momento di agire". Il presidente del Veneto Luca Zaia interviene sulla questione migranti, sempre d'attualità a livello nazionale. Il governo Gentiloni ha minacciato di chiudere i porti se l'Italia non sarà aiutata dagli altri paesi europei nell'accoglienza dei richiedenti asilo. Ma, per Zaia, la risposta europea è chiara: "La Spagna respinge con la forza 800 immigrati a Ceuta, l'Austria manda blindati al Brennero, la Svizzera rafforza i confini con Lombardia e Piemonte", ha detto il presidente della Regione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A questo punto, Zaia indica la strada da percorrere. "I porti vanno chiusi e vanno aperti campi di accoglienza in nordafrica dove riconoscere tutti, curare i malati, avviare in corridoi umanitari quei due migranti su dieci che statisticamente non sono di tipo economico e bloccare gli altri - ha dichiarato il presidente del Veneto - Non ci sono alternative".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Partire da Verona: le info utili per come raggiungere l'aeroporto

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Focolaio di Covid-19 a Verona: marito ricoverato e famiglia messa in quarantena

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Morta tra le fiamme in auto dopo lo scontro: si indaga sulla dinamica

Torna su
VeronaSera è in caricamento