Ha maltrattato gli anziani genitori e i fratelli. Ora diffonde la cultura buddista

L'uomo di 48 anni è stato condannato per dei fatti risalenti al 2015, anche se adesso è cambiato tanto che è tornato a vivere con i genitori

Adesso è un uomo diverso, ha abbracciato la cultura buddista ed è impegnato nella meditazione. Ma solo due anni fa, picchiava, insultava e vessava i genitori e i fratelli e per questo è stato condannato a 4 anni e 8 mesi di reclusione oltre ad una multa per maltrattamenti in famiglia.

Il protagonista è un uomo di 48 anni, condannato ieri, 30 novembre, dal tribunale di Verona. La sua vicenda è stata riportata anche da TgVerona, che sottolinea il cambiamento vissuto dal 48enne. Oggi è un uomo che parla di armonizzazione cosmica, ma nel 2015 non era in grado di gestire la rabba, perdeva la calma e minacciava gli anziani genitori e i fratelli, pretendendo di avere il controllo sul patrimonio familiare. Un inferno durato 5 mesi, fatto di maltrattamenti ma anche di lesioni e di vere e proprie estorsioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al 48enne è bastato un viaggio all'estero per cambiare. L'uomo infatti è anche tornato a vivere con i genitori e il suo atteggiamento non è più collerico. I fatti del 2015 però non si possono cambiare e per questo l'uomo è stato condannato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • In 24 ore 15 morti positivi al virus nel Veronese: frenano contagi e ricoveri. Veneto: 9.177 casi

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • Coronavirus: a Verona crescono casi positivi e decessi: ricoveri ancora in calo

  • Covid-19, altri 33 tamponi positivi in provincia di Verona. Aumentano anche i "negativizzati"

  • Covid-19, nuova impennata di casi a Verona, ma prosegue il calo dei ricoveri

Torna su
VeronaSera è in caricamento