Valpolicella, maltrattamenti in un asilo nido. Maestra accusata e interdetta

Per il momento non potrà svolgere il suo lavoro per un anno. Non avrebbe usato violenza nei confronti dei bambini, ma il suo comportamento è stato ritenuto poco consono

(foto generica di repertorio)

Maltrattamenti verso fanciulli. Questa l'ipotesi di reato formulata nei confronti di una maestra che lavorava in un asilo nido della Valpolicella. La donna per il momento non potrà più svolgere il suo lavoro per almeno un anno. Una misura cautelare decisa dal giudice, davanti al quale la maestra, durante l'interrogatorio, si è avvalsa della facoltà di non rispondere.

Della vicenda si è occupata Manuela Trevisani su L'Arena, specificando che i maltrattamenti contestati alla maestra non sono degli atti di violenza, ma si tratta di comportamenti non consoni alla funzione educativa della donna. Nella struttura vengono accolti bimbi fino a tre anni e nessun genitore pare si sia accorto di nulla. A segnalare la situazione sarebbero stati i colleghi della maestra.

Ad occuparsi delle indagini sono stati i carabinieri che hanno raccolto sia testimoniaze che registrazioni ambientali effettuate tramite cimici nascoste nei luoghi dove la maestra doveva prendersi cura dei bambini. Tutto per ricostruire nel modo più fedele possibile i fatti ed accertare il reale comportamento della sospettata sul posto di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • Rapina finita nel sangue: chiude il centro del paese per ricostruire l'omicidio

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

Torna su
VeronaSera è in caricamento