Le distrazioni pericolose: è lotta dura all'utilizzo del telefonino mentre si guida

Stando agli ultimi dati forniti dal Comitato Provinciale per la Sicurezza le morti sulle strade nell'ultimo anno sono quasi raddoppiate rispetto al 2015. Alla base di moltissimi incidenti vi sarebbe la distrazione, spesso causata da un utilizzo improprio del cellulare alla guida

Gli incidenti sulle strade durante i primi 8 mesi del 2016 sono in numero stabile rispetto a quelli dell'annata passata, ma purtroppo ad essere aumentati sono i morti, i quali sono addirittura quasi raddoppiati. Alla base di molti episodi che sono costati la vita a diverse persone, stando agli ultimi dati forniti dal Comitato Provinciale per la Sicurezza, pare esservi la distrazione alla guida causata, oltre che dal colpo di sonno tradizionale o dall’eccessiva stanchezza, da un possibile malore o dalla distrazione momentanea, soprattutto da un eccessivo, impropio ed illegale utilizzo del telefonino.

Un'abitudine sconsiderata, una moda secondo qualcuno, di certo una pratica che spesso può provocare danni gravissimi o irreparabili a se stessi o alle altre persone. Mandare un messaggino su Whatsapp può costare la vita, se a farlo è qualcuno che si trova al volante, e allora il cellulare rischia di diventare pericoloso tanto quanto la guida in stato di ebbrezza.

Da questa serie di preoccupazioni la decisione, ribadita nel corso del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è svolto a Verona, di proseguire nelle attività di prevenzione e contrasto all’uso dei telefonini alla guida. Tolleranza zero dunque, anche nei confronti di chi utilizza il cellulare mentre va in scooter o persino in bicicletta, poiché in quanto ciclista da ritersi sottoposto alle stesse norme previste dal codice stradale. In questa prospettiva, il prefetto di Verona Salvatore Mulas, ha incaricato le Forze di polizia di organizzare massicci servizi di controllo durante lo scorso mese di agosto che hanno portato alla contestazione di 435 violazioni del codice della strada.

Dai controlli sulle strade, è apparso anche evidente che purtroppo numerosi conducenti di veicoli che fanno uso di telefonini e smartphone ignorano il significato della norma e soprattutto la gravità del loro comportamento che rappresenta un rischio per la sicurezza stradale, oltre che per l’incolumità di se stessi e degli altri occupanti del veicolo. Che si tratti di un tema molto sensibile ed attuale, lo testimonia il fatto che di recente se ne sia direttamente occupato un regista del calibro di Werner Herzog, il quale ha girato un breve documentario di circa mezz'ora dal titolo "From one second to the next", nel quale racconta da far suo le storie di 4 incidenti correlati all'utilizzo degli smartphone mentre si guida.

Dal sito web della polizia municipale di Verona riportiamo infine i dati di uno studio inglese realizzato già nel 2009 dal "Transport Research Laboratory", secondo il quale "usare il cellulare in auto aumenterebbe drammaticamente il rischio di incidente, perché i tempi di reazione in caso di possibile impatto si ridurrebbero del 35%, percentuale quasi tre volte superiore a quella relativa a chi si mette alla guida ubriaco (12%) o dopo aver fumato una canna (21%). Stando alla ricerca, chi spedisce o scrive messaggini mentre guida avrebbe inoltre il 91% di possibilità di sbandare con l'auto, contro il 35% dei consumatori di cannabis".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

Torna su
VeronaSera è in caricamento