Lotta alla contraffazione, sequestrati 600 prodotti

In piazza Erbe la guardia di finanza scopre merce falsa in vendita

Lotta alla contraffazione, sequestrati 600 prodotti
Vendevano articoli contraffatti in piazza Erbe, uno dei luoghi simbolo della città. Su due banchetti gestiti da altrettanti cittadini del Bangladesh si trovava di tutto. Dai souvenir per turisti, come l’Arena o le statuine con l’immortale abbraccio tra Giulietta e Romeo, a cinture e catenine riportanti marchi contraffatti delle più importanti griffe italiane. La guardia di finanza scaligera, attraverso il costante pattugliamento del territorio per arginare il fenomeno del commercio abusivo di prodotti falsificati, si è imbattuta nelle due bancarelle e, notando l’irregolarità della merce esposta, ha effettuato dei controlli immediati. Controlli che hanno portato al sequestro di 600 prodotti “taroccati”. I due extracomunitari, sorpresi dal sequestro, hanno affermato di essere all’oscuro del divieto di vendita di tale mercanzia, paragonandola a semplici souvenir. Per loro è scattata una denuncia a piede libero per introduzione e commercio nello Stato Italiano di prodotti non autentici. Il comandante provinciale dei Baschi Verdi, colonnello Giuseppe Magliocco, afferma: “ Il fenomeno scoperto assume maggior rilievo perchè i venditori non si presentavano carichi di prodotti o con il classico lenzuolo, bensì con un banchetto e con tanto di autorizzazione alla vendita. A restare danneggiato è, come al solito, il consumatore”.

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Jeremy Wade pronto a svelare il mistero di "Bennie", il mostro del lago di Garda

  • Turismo a Verona, Tosi: «In calo. L'assessore Briani ammetta le sue colpe»

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

  • La donna non cede al ricatto e lui pubblica sui social le sue immagini "hot"

Torna su
VeronaSera è in caricamento