S'insedia nella casa di un giovane di Legnago, lo caccia e spaccia hashish

L'uomo, iniziali F.M., è un cittadino italiano classe 1977 ed è stato arrestato dai carabinieri. È stato accusato di estorsione, maltrattamenti e spaccio di sostanze stupefacenti

Nel primo mattino di martedì scorso, 10 aprile, in zona ospedale a Legnago, i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della locale compagnia ha arrestato il pluripregiudicato F.M., cittadino italiano classe 1977, di fatto senza fissa dimora.

I militari hanno accertato che l'uomo, dal mese di febbraio, aveva costretto con violenza e minacce un giovane del posto ad ospitarlo nel proprio appartamento. E dopo tutta una serie di soprusi e reati, lo ha pure spingo ad abbandonare l'alloggio. I carabinieri, con l'aiuto dei vigili del fuoco, hanno dovuto aprire con la forza la porta della casa abusivamente occupata. F.M., infatti, aveva anche cambiato la serratura. Durante l'irruzione, i militari lo hanno sorpreso mentre dormiva e nell'appartamento è stato trovato anche un suo parente di 16 anni, anche lui addormentato.

La perquisizione ha permesso ai militari di trovare e sequestrare un bilancino di precisione e circa 500 grammi di hashish. L'uomo è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, fotosegnalato in caserma e poi portato nel carcere di Montorio. Il 16enne invece è stato affidato alla madre.

Ieri, 13 aprile, si è tenuta l'udienza di convalida ed il giudice Luciano Gorra, nel convalidare l'arresto, ha disposto nei confronti del pregiudicato la misura cautelare della custodia in carcere, in relazione ai reati di estorsione, maltrattamenti e spaccio di sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Terremoto nella Bassa Veronese: registrate tre scosse ravvicinate

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • «Grassie», la poesia di Roberto Puliero per chi lo ha avuto in cura

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento