Atterra a Verona e viene controllato dalla polizia, era ricercato dal 2010

L'uomo è un cinquantenne italiano. Doveva scontare la pena di un anno e un mese di reclusione per traffico di stupefacenti ed è stato accompagnato al carcere di Montorio

La polizia all'aeroporto Catullo

Con l'inizio della stagione estiva e l'incremento del traffico aereo, la polizia di frontiera (Polaria) dell'aeroporto di Verona ha potenziato i servizi di vigilanza e di verifica dei documenti di tutti i passeggeri in arrivo e in partenza.

Ieri sera, 17 giugno, gli agenti hanno fermato e hanno chiesto i documenti ad un cinquantenne italiano, giunto a Verona con un volo da Londra, il quale ha esibito un passaporto americano regolarmente detenuto. L'uomo, le cui iniziali sono B.M., comunque non è passato inosservato ed è risultato essere ricercato dal 2010.
Nello specifico, gli agenti hanno riscontrato a suo carico un ordine di carcerazione ancora pendente, emesso dalla Procura di Venezia.

L'uomo, che dovrà scontare la pena di un anno e un mese di reclusione per traffico di stupefacenti, è stato accompagnato al carcere di Montorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 21 al 23 febbraio 2020

Torna su
VeronaSera è in caricamento