Il ministro del lavoro Poletti al Job&Orienta: "Decontribuzione al 50% per gli under 35"

"Per favorire l’occupazione giovanile - ha spiegato il ministro Giuliano Poletti - abbiamo già approvato la decontribuzione, con la riduzione fino al 50% degli oneri previdenziali, per le aziende che assumono giovani sotto i 35 anni"

Nuove risorse per contrastare la disoccupazione giovanile, fondi confermati per il sistema di formazione duale (che quest’anno passa dalla fase sperimentale a quella strutturale) e investimenti per la formazione a sostegno dell’innovazione all’interno di Industria 4.0. È quanto annunciato dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti, intervenuto oggi pomeriggio a JOB&Orienta, il salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, in Fiera a Verona fino a sabato 2 dicembre.

«Con un emendamento alla legge di bilancio già approvato in Senato» ha detto Poletti «è stato rifinanziato l’apprendimento duale: una buona notizia, perché ci consegna la possibilità di continuare nel percorso fondamentale di rafforzamento della relazione tra la formazione e il lavoro, che è un po’ l’impianto generale del progetto che stiamo realizzando. Penso anche al finanziamento degli istituti di formazione tecnica superiore, gli ITS, alle lauree professionalizzanti, alla formazione all’interno dell’impresa. Sono strumenti importanti e che stanno assumendo il giusto peso, quindi questa è la strada su cui continuare. Sapere, conoscenza formazione e innovazione sono i capisaldi per il lavoro».

Job&Orienta2017_Poletti_stand

In merito alla prossima legge finanziaria, Poletti ha anticipato investimenti più consistenti rispetto al passato, anche su altri fronti importanti: «Sono stati introdotti nuovi interventi per la formazione a sostegno dell’innovazione all’interno di industria 4.0. E per favorire l’occupazione giovanile abbiamo già approvato la decontribuzione, con la riduzione fino al 50% degli oneri previdenziali, per le aziende che assumono giovani sotto i 35 anni». «La facilitazione - ricorda Poletti - dura tre anni, ma la norma è permanente, per cui tutti i giovani che arriveranno a quella condizione, anche tra cinque sette o dieci anni, potranno sempre beneficiarne. Credo sia molto importante, poi, aggiungere forme di sostegno specifico per il Sud, dove la decontribuzione per il 2018 è al 100%. Il dato sulla disoccupazione giovanile è il più preoccupante che abbiamo: contrastarla è la nostra priorità più importante, e per questo la legge di bilancio destinerà risorse significative a questo obiettivo».

JOB&Orienta, in questo contesto, svolge un ruolo importante: «Gli studi presentati in questa occasione» conferma il ministro Poletti «ci dicono che abbiamo un numero rilevante di opportunità di lavoro che fatichiamo a cogliere, e che la formazione non è sempre coerente con le esigenze presentate dalle imprese. Noi abbiamo scelto con molta forza il sostegno alla manifattura: la storia del nostro Paese ci insegna che il successo economico è dovuto alla capacità di fare cose belle e apprezzate nel mondo. Ma la centralità della fattura si regge sulla capacità di fare bene, quindi su competenze tecniche e scientifiche. Servono periti e ingegneri. Vogliamo che i giovani e le famiglie comprendano le opportunità offerte da questi settori e le colgano. Poi noi dobbiamo offrire una buona formazione e avere buoni istituti, ma insieme a questo è necessario far crescere la cultura e l’attenzione nei confronti della manifattura».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • Droga, cellulari, manette e armi in casa: 38enne della Bassa arrestato

Torna su
VeronaSera è in caricamento