Insulti ai passeggeri dall'altoparlante di un treno a Porta Nuova, mistero sull'autore

Forse la bravata da parte di un giovane. Trenitalia esclude possa essere un suo dipendente

treno - immagine d'archivio

Un singolare episodio si sarebbe verificato a bordo del treno regionale 20800 in arrivo alla stazione ferroviaria di Porta Nuova a Verona, durante la mattinata di giovedì 14 novembre. Dopo aver lasciato Venezia in direzione Milano, proprio nei pressi della principale stazione di Verona, si sarebbero infatti udite a bordo parole offensive ed insulti provenienti dall'altoparlante del treno. A rivelarlo è stato il quotidiano L'Arena che riferisce il racconto di una giovane studentessa, la quale dopo essere salita a San Bonifacio sarebbe rimasta sorpresa, insieme a molti altri passeggeri, nell'udire parole oltraggiose quali «...siete tutti figli di p...» provenire per l'appunto dall'altoparlante del treno. 

La vicenda pare sia stata segnalata al personale della polfer in stazione Porta Nuova, ma al momento non si sa esattamente chi possa essere il responsabile. L'ipotesi è che possa trattarsi di una "bravata", per quanto certamente grave, ad opera di un qualche giovane passeggero (la voce udita sarebbe quella di un maschio), mentre la compagnia Trenitalia ha categoricamente escluso che possa trattarsi di un dipendente delle Ferrovie dello Stato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

Torna su
VeronaSera è in caricamento