Incidenti mortali sul lavoro: 5 vittime in Veneto, 4 sono immigrati: «Una nuova emergenza»

A gennaio un morto anche nella provincia di Verona, mentre aumentano gli infortuni sul lavoro

Infortunio sul lavoro - immagine d'archivio

Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega di Mestre, spiega: «Una nuova emergenza, quella della sicurezza dei lavoratori immigrati con cui il nostro Paese deve fare i conti, velocemente, dalla formazione all’aggiornamento». E mentre gli incidenti mortali sembrano comunque in diminuzione in regione (a gennaio 2018 erano 7), aumentano gli infortuni che passano da 5.152 a 5.650.

«Il numero delle vittime sul lavoro registrate a gennaio 2019 testimonia un decremento della mortalità in Veneto ma la nostra regione con 5 decessi continua ad essere la seconda in Italia per incidenti mortali dopo la Lombardia che ne conta 10. E in questa nuova mappatura dell’emergenza appare significativa, mai come oggi, il peso delle vittime straniere: 4 su cinque in Veneto, il 35% in Italia».

Questo il commento all’ultima indagine condotta dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega di Mestre (sulla base di dati INAIL) da parte del suo Presidente, l’Ing. Mauro Rossato. E così, insieme all’analisi degli infortuni mortali in Veneto, si fa strada una nuova geografia dell’insicurezza. «La composizione della forza lavoro nella nostra area sta cambiando. Per questo in una società sempre più multietnica è indispensabile pensare non solo all’integrazione sociale e occupazionale, – prosegue l’Ing. Rossato – ma è necessario operare per un’integrazione nuova sul fronte della sicurezza sul lavoro».

Unica consolazione in questo primo monitoraggio del 2019, che racconta di 5 vittime in regione e 44 in Italia, è il decremento della mortalità rispetto allo scorso anno anche a livello nazionale. Nel 2018, infatti, le vittime a fine gennaio erano 7 in Veneto e 67 in Italia. A Vicenza nel mese di gennaio sono 2 le vittime rilevate, mentre 1 morto si è avuto a Padova, Treviso e Verona. E se gli incidenti mortali sembrano comunque in diminuzione in regione, aumentano invece come detto gli infortuni che sono passati da 5.152 a 5.650.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Non è un problema di formazione perchè sono solo stranieri ma anche proprio per la mancanza di formazione in generale, ho svolto diversi lavori e spesso mi sono dovuto arrangiare con le protezioni individuali comprandomele, poi se lavorano i nero come accade spesso o senza limiti di ore lavorate o con i baucer canini per pochi ore di lavoro altro che formazione, direi che sia un mix vario a contribuire.

Notizie di oggi

  • Politica

    Gemellaggio Verona-Hangzhou, lo scambio dell'atto. Sboarina: «Noi eredi di Marco Polo»

  • Cronaca

    Chiodi e puntine da disegno sulla pista ciclabile e gita rovinata: l'ira dei ciclisti

  • Attualità

    Bandiera San Marco in piazza Erbe. Lega, dalla lingua veneta a scuola verso il "Batar Marso"

  • WeekEnd

    Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 22 al 24 marzo 2019

I più letti della settimana

  • A sbattere contro un'auto, morto giovane motociclista a Caprino Veronese

  • Ragazze violentate da una coppia veronese: inchiodati dai filmati del cellulare

  • Atterraggio di emergenza a Londra per un Airbus decollato da Verona

  • Verona fortunata al SuperEnalotto: giocata una schedina da 40 mila euro

  • Da una lite familiare spuntano 85 mila euro, droga e orologi: un arresto

  • Trovato a vendere cocaina, viene arrestato e si giustifica: «Sono senza lavoro»

Torna su
VeronaSera è in caricamento