Clochard trovato carbonizzato in auto: spunta l'ipotesi omicidio, indagati due minori

Il corpo bruciato del 64enne venne ritrovato a Santa Maria di Zevio la sera del 13 dicembre scorso all'interno dell'auto dove il senzatetto era solito dormire. Si pensò a un fatale incidente, ma ora è stato aperto un fascicolo dal Tribunale dei Minori di Venezia

L'auto dove era solito dormire Ahmed, trovata carbonizzata la sera del 13 dicembre 2017

Inizialmente si era pensato ad un incidente, ma il ritrovamento del corpo carbonizzato di Ahmed Fdil, cittadino marocchino 64enne che era solito vivere all'interno della sua auto parcheggiata a Santa Maria di Zevio, potrebbe in realtà nascondere un'inquietante verità. Stando a quanto riferito da Alessandra Vaccari sul quotidiano L'Arena, ad oggi risuterebbero infatti indagati due minorenni per l'omicidio dell'uomo che venne ritrovato morto la sera di mercoledì 13 dicembre verso le ore 20 nel piazzale di via Alcide De Gasperi.

Essendo il 64enne un fumatore incallito, la prima ipotesi era stata quella dell'incidente dovuta a una sua possibile distrazione, considerati anche i molti mozziconi di sigarette trovati all'esterno della vettura. Tuttavia nel paese già nell'immediato circolarono diverse voci in merito ad alcuni ragazzini che abitualmente avevano in passato infastidito l'uomo. Quest'ultimo era in generale benvoluto dai residenti, non importunava nessuno, passando le sue giornate a mendicare qualche spicciolo in cambio di un saluto.  

Ora è stato aperto un fascicolo al Tribunale dei minori di Venezia, dove in questi ultimi giorni si è recato anche il nipote del 64enne deceduto per confrontarsi con il magistrato che si sta occupando del caso. Ahmed Fdil aveva alle spalle una famiglia benestante, il nipote abita a Barcellona con ben quattro appartamenti di proprietà dove anche la vittima era stato più volte invitato ad andare a vivere, ma lui preferiva fare il "clochard" più che altro per scelta personale. Ora la notizia della sua morte ha chiaramente sconvolto tutti i familiari di Ahmed, i quali aspettano con ansia il rimpatrio della salma per celebrare il funerale, ma soprattutto che la giustizia italiana faccia chiarezza su una vicenda dai contorni ancora oscuri. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Tir a San Massimo e polemiche, l'Ass. Polato: "Benini fa del teatro inutile e irrispettoso"

  • Cronaca

    Raduno carabinieri e "Mobility Day": città blindata e modifiche alla viabilità urbana

  • Cronaca

    Bocciata dalla Consulta la legge regionale sul Veneto "minoranza linguistica"

  • WeekEnd

    Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 20 al 22 aprile 2018

I più letti della settimana

  • Domato l'incendio di Povegliano, tecnici Arpav al lavoro: "State in casa con le finestre chiuse"

  • Incendio in una ditta per la gestione dei rifiuti: massiccio intervento dei pompieri

  • Quattro medici di Verona inseriti nella lista dei trenta migliori di tutta Italia

  • Tragico scontro nelle strade di Bussolengo: morto sul posto un motociclista

  • Muore dopo un intervento al ginocchio eseguito a Negrar. Aperta un'indagine

  • Incendio a Povegliano, mezza provincia a finestre chiuse: "A scuola niente ricreazione"

Torna su
VeronaSera è in caricamento