Trenino turistico senza controllo sbatte contro negozio in via Garibaldi

Fortunatamente nessuno è stato investito e i feriti sono tutti lievi. Il conducente si era fermato in una gelateria, ma il mezzo senza freni ha continuato la sua corsa, rompendo la vetrina di «Che Profumo»

Foto dell'incidente pubblicata su Facebook da Rossana Conte

Un insolito incidente è capitato ieri, 5 gennaio, intorno alle 18 a Verona. Il trenino elettrico «Muson River», che quotidianamente trasporta i turisti e mostra loro le belle del centro storico scaligero, ha imboccato contromano via Garibaldi ed ha sbattuto contro la vetrina del negozio «Che Profumo», rompendola. Nel suo breve tragitto senza controllo, il mezzo non ha fortunatamente investito nessuno e gli unici che sono rimasti contusi sono alcuni turisti che in quel momento erano seduti sulle carrozze del trenino. In totale, i viaggiatori erano circa una dozzina ed in quattro sono stati trasportati al pronto soccorso, due adulti e due bambini. A soccorrerli, oltre al personale del 118, anche alcuni passanti.

Agli agenti della polizia locale il compito di scoprire le cause dell'incidente, che potrebbero essere due: o il conducente non ha tirato il freno a mano, oppure il freno a mano non ha funzionato. Sembra, infatti, chiara la dinamica del sinistro. L'addetto alla guida del «Muson River» si era fermato alla gelateria «Pampanin» per una brevissima sosta. Il mancato blocco del freno a mano e la pendenza di via Garibaldi hanno fatto il resto. Il trenino ha cominciato a muoversi e ha preso velocità, finendo prima contro il muro di un edificio e poi fermandosi definitivamente contro la vetrina del negozio di prodotti siciliani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

Torna su
VeronaSera è in caricamento