Tamponamenti sulla A22, due automobilisti indagati per omicidio stradale

Il numero degli indagati è destinato a salire. Una volta fatta luce sull'attribuzione delle colpe per i vari incidenti, i responsabili dovranno rispondere delle lesioni procurate ai feriti

Una foto scattata dai vigili del fuoco intervenuti sulla A22 per la raffica di incidenti

È un lavoro lungo e ancora in fase di completamento quello degli agenti della polizia stradale di Verona, impegnati nella ricostruzione dei diversi incidenti avvenuti nella mattinata di giovedì 21 febbraio sull'autostrada A22. I sinistri sono stati circa una ventina con decine di veicoli coinvolti tra auto e mezzi pesanti.
Un uomo ha perso la vita, si chiamava Dino Ghezzi ed era un pensionato di Parma di 68 anni. Dopo essere stato tamponato, è uscito dalla sua vettura e sarebbe stato investito da due auto. La conta delle vittime potrebbe fermarsi a lui, perché tra i trentacinque feriti soccorsi sull'autostrada del Brennero non ci sarebbe nessuno che rischia la vita. Gravi comunque le condizioni di almeno due degli automobilisti rimasti feriti giovedì.

Per la morte di Dino Ghezzi, due automobilisti sono stati indagati per omicidio stradale, come scritto da TgVerona. Le loro patenti non sono state ancora ritirate perché la dinamica degli incidenti è ancora in fase di definizione. E il numero degli indagati è comunque destinato a salire. Una volta fatta luce sull'attribuzione delle colpe per i vari incidenti, i responsabili dovranno rispondere delle lesioni procurate ai feriti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 ottobre 2019

  • Veronese violentata dopo una serata al Mascara, arrestato il branco

  • Col furgone tampona mezzo pesante in A22, muore giovane veronese

  • Volotea, due nuove rotte dal Catullo e l'offerta biglietti sfiora il milione

  • Una fatale distrazione potrebbe aver spezzato la vita del 27enne in A22

  • Razzismo in un B&B di Verona, il gestore si scusa: «Parole mal pesate»

Torna su
VeronaSera è in caricamento