Dolore sui social per i giovani morti a Bonavigo, su una via ritenuta pericolosa

Pochi giorni prima dell'incidente, il consiglio comunale di Bonavigo ha discusso la proposta di realizzare una rotatoria sulla strada in cui sono deceduti Luca Verdolin e Francesca e Chiara Mercurio

Francesca Mercurio, una delle vittime dell'incidente di Bonavigo (Foto Instagram)

Anche attraverso i messaggi lasciati sui profili social delle vittime si è manifestato il dolore per la morte di Luca Verdolin e di Francesca e Chiara Mercurio, i tre giovani deceduti nell'incidente stradale dello scorso 7 dicembre a Bonavigo, in via Pilastro.
Su Facebook o su Instagram, amici e conoscenti hanno lasciato un loro ricordo di Luca, descritto come un ragazzo onesto, simpatico e sorridente. C'è chi lo aveva conosciuto tramite la pallavolo o il ballo e chi sul lavoro, tutti increduli per questa perdita improvvisa. Come increduli sono anche gli amici di Francesca e Chiara, le due ragazze di Napoli, trasferitesi con la mamma nel Veronese e ben integrate. Chiara, 15 anni, studiava all'istituto Medici di Legnago. Luca e Francesca erano andati a riprenderla all'uscita di scuola e stavano tornando a casa, a Ronco all'Adige, quando è avvenuto lo schianto. Anche i compagni di scuola di Chiara hanno espresso il loro dolore sui social, mentre l'istituto organizzerà per loro un servizio di supporto psicologico per affrontare questo lutto. Difficile accettare per i conoscenti di Chiara e Francesca l'idea di non poter più vedere queste due sorelle molto legate, che erano riuscite a trovare un posto in molti cuori.
Ed anche attraverso i social network è stato trasmesso il cordoglio ai genitori dei tre ragazzi, a cui la vita ha riservato la sofferenza più grande che può capitare ad un padre e ad una madre, quella di perdere i figli.

Anche le istituzioni hanno espresso il dolore della comunità per la morte di tre giovani. Cordoglio è stato espresso dagli amministratori di Ronco all'Adige dove vivono le famiglie delle vittime. Ma il dolore ha toccato anche il comune di Bonavigo, dove è avvenuto l'incidente. Nell'ultimo consiglio comunale di Bonavigo era stata discussa la proposta di realizzare una rotatoria all'incrocio tra via Pilastro e via Giovanni XXIII. Un tratto di strada ritenuto poco sicuro dai residenti e in cui erano già capitati degli incidenti, anche se non così gravi. Con una rotatoria si renderà più sicuro l'incrocio e la circolazione stradale di via Pilastro. Peccato però che sarà troppo tardi per le tre vittime di sabato scorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Insetto antagonista della cimice asiatica sarà lanciato nelle colture veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento