Fermati con hashish e cocaina in auto: tutti e quattro vengono arrestati

Avevano quasi 400 grammi di "fumo" e 1 di coca, quando i carabinieri della Compagnia di Legnago li hanno fermato in via Marzabotto nella serata di mercoledì, nel corso di alcune indagini sullo spaccio di droga nella Bassa veronese

I carabinieri di Legnago con la droga sequestrata

I carabinieri del Nor di Legnago stavano indagando su un giro di spaccio di drogra nella zona della Bassa veronese e nella serata di mercoledì, intorno alle ore 20, hanno messo le manette ai polsi di 4 italiani, in via Marzabotto, dopo averli trovati in auto con quasi 400 grammi di hashish e 1 di cocaina. 

Dichiarati in arresto per detenzione di sostanze stupefacenti, dopo le formalità di rito, i 4 sono stati accompagnati presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari. Venerdì mattina sono stati accompagnati dai militari davanti al tribunale di Verona per sostenere il giudizio per direttissima, dove il giudice Carrara ha convalidato il provvedimento e concesso i termini di difesa fissando il processo per il prossimo 1 luglio, disponendo nei loro confronti l'obbligo di dimora nel comune di residenza /domicilio e l'obbligo di non uscire di casa dalle 22 alle ore 7.

Potrebbe interessarti

  • Sanità, nascono in Veneto i team di assistenza primaria: «Facilitare l'accesso alle cure»

  • Verona, piante gratis ai cittadini

  • Ama il tuo intimo: un check up gratuito dal ginecologo grazie a Chilly e Intima Roberts

  • Regione Veneto: bando di incentivazione dei sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla SR450, tre ragazzi investiti da un'auto: due 20enni morti

  • Stroncata da una malattia durante una vacanza: 17enne muore in Grecia

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 19 al 21 luglio 2019

  • Incidente in moto sull'A22 all'uscita per Affi: un morto e un ferito grave

  • L'imprenditore edile Attilio Lonardi è morto all'età di 57 anni

  • Abusa della figlia più piccola per cinque anni, medico veronese condannato

Torna su
VeronaSera è in caricamento