Furto di rame nei sotterranei dell'Ospedale di Borgo Trento: servizio dialisi in tilt

L'episodio criminale si è verificato durante la notte tra martedì 19 e mercoledì 20 gennaio. Sono stati sottratti circa 70 metri di rame, causando, così come riferito dall'Arena, uno sbalzo energetico nella centrale elettrica che ha paralizzato il servizio di dialisi

Nella notte tra martedì 19 e mercoledì 20 gennaio è andato in scena il furto di circa 70 metri di rame all'interno degli spazi sotterranei soggiacenti l'Ospedale di Borgo Trento. Ad essere colpito nello specifico è stato il reparto di Geriatria che ha visto andare fuori uso il servizio dialisi per i pazienti che ne necessitano quotidianamente.

Quella dei furti di rame non è purtroppo una novità, ma la cosa abbastanza singolare è che questa volta ad essere colpita non sia stata una qualche linea ferroviaria, bensì piuttosto una struttura ospedaliera. Come riferito dal quotidiano L'Arena, tutto ciò non è stato senza conseguenze per gli stessi pazienti, i quali si sono ritrovati improvvisamente senza la possibilità di svolgere in modo regolare la loro terapia.

Alcuni dei degenti sono dunque dovuti migrare dall'Ospedale di Borgo Trento al Policlinico in Borgo Roma, il tutto ovviamente non senza parecchi disagi.

L'auspicio è naturalmente che oggi la situazione possa tornare alla normalità quanto prima, a fronte di un esecrabile gesto criminale che per un guadagno di qualche centinaio d'euro ha messo in crisi la salute di numerose persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

Torna su
VeronaSera è in caricamento