Tentato furto di profumi alla Coin: riconosciuto, il 38enne finisce in manette

Aveva rotto le placche antitaccheggio di prodotti per un valore complessivo di 500 euro, ma il personale del negozio lo avrebbe individuato come l'autore di un altro furto avvenuto nei giorni precedenti ed ha avvisato i carabinieri

I carabinieri di Verona davanti al negozio Coin

Ancora nel mirino dei ladruncoli il punto Coin di via Cappello a Verona, dove nella serata di mercoledì i carabinieri scaligeri hanno messo le manette ad una commessa sorpresa a rubare nello stesso negozio in cui lavorava. Martedì invece, i militari della sezione Radiomobile hanno arrestato un cittadino tunisino di 38 anni, senza fissa dimore e pregiudicato. 
L'uomo infatti si sarebbe recato nel negozio del centro storico, dove avrebbe rotto i sistemi antitaccheggio di vari articoli di profumeria per poi prelevarli: in tutto la merce avrebbe avuto un valore complessivo di 500 euro. Per sua sfortuna però, il personale del punto vendita avrebbe riconosciuto il 38enne come l'autore di un furto commesso un paio di giorni prima ed è stata quindi allertata la centrale operativa dei carabinieri. Un'intuizione che si è rivelata poi corretta, con il tunisino che si è diretto verso l’uscita senza passare dalle casse, dove sarebbe stato bloccato e trovato in possesso della refurtiva.
Arrestato dunque per furto aggravato, mercoledì è comparso davanti al giudice del tribunale di Verona, che ha convalidato l’arresto e disposto la custodia cauteleare nel carcere di Montorio, in attesa del processo. 

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Jeremy Wade pronto a svelare il mistero di "Bennie", il mostro del lago di Garda

  • Turismo a Verona, Tosi: «In calo. L'assessore Briani ammetta le sue colpe»

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

  • La donna non cede al ricatto e lui pubblica sui social le sue immagini "hot"

  • Crisi (congelata) di governo, Tosi: «Salvini è una trottola impazzita, fa solo propaganda»

Torna su
VeronaSera è in caricamento