Dal lampione porta l'elettricità in casa con dei cavi: scoperto ed arrestato

In manette è finito un uomo di Bevilacqua dopo un controllo dei carabinieri, che hanno notato il collegamento all'illuminazione pubblica e si sono insospettiti

Un altro caso di furto aggravato di energia elettrica è stato scoperto nella Bassa veronese. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Legnago, nel corso di alcuni controlli, hanno tratto in arresto L.A., cittadino italiano di origini marocchine, residente a Bevilacqua e pregiudicato. 

Ad insospettire i militari, sono stati alcuni cavi che da un palo dell'illuminazione pubblica finivano nella casa di Bevilacqua dove era presente L.A.. Le forze dell'ordine hanno così deciso di vederci chiaro e sono entrate nell'abitazione, dove hanno potuto appurare che effettivamente la corrente elettrica proveniva dal lampione, nonostante delle opere in muratura ne celassero l'allacciamento abusivo.
L'uomo è stato quindi condotto in caserma e dichiarato un arresto, prima di essere accompagnato la proprio domicilio in attesa del processo per direttissima. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto "vola" su altre due vetture a Pescantina in un parcheggio: spunta l'ipotesi della rissa

  • Scavalca una siepe e vola sulle auto parcheggiate dall'altro lato nel piazzale

  • Investito da un treno a Balconi di Pescantina: caos e disagi in stazione

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 ottobre 2019

  • Col furgone tampona mezzo pesante in A22, muore giovane veronese

  • Veronese violentata dopo una serata al Mascara, arrestato il branco

Torna su
VeronaSera è in caricamento