Tenta di rubare una bici in piazza Bra ma viene arrestato dalla polizia locale

L'arresto è avvenuto grazie alla segnalazione di un cittadino che ha avvisato gli agenti

polizia municipale a Verona

Un altro arresto messo a segno dalla polizia locale grazie alla segnalazione di un cittadino. È successo nel tardo pomeriggio di ieri in piazza Bra, dove gli agenti hanno colto in flagrante un uomo che tentava di rubare una bici. Un cittadino del Kosovo, 28enne, pluripregiudicato e con obbligo di firma, è stato bloccato mentre stava finalizzando il furto e nel divincolarsi ha ferito due operatori del Nucleo Operativo di Polizia giudiziaria, a cui sono stati riconosciuti 4 e 8 giorni di prognosi.

Le accuse a suo carico sono di tentato furto, violenza finalizzata alla resistenza a pubblico ufficiale e possesso ingiustificato di arnesi da scasso. Stamattina, il giudice Monica Sarti ha convalidato l'arresto, il kossovaro resterà in carcere a Montorio fino al 19 settembre per l'udienza con i termini a difesa, considerata la pericolosità del soggetto e la "particolare proclività a delinquere".

Nella mattina, sempre in Bra e sempre su segnalazione di un cittadino, è stato fermato un 40enne italiano che aveva addosso una tronchese e della droga. Non essendoci flagranza, l'uomo è stato denunciato a piede libero per furto aggravato e per la violazione delle norme sugli stupefacenti.

I consigli della polizia locale

A questo proposito, la polizia locale ricorda alcuni semplici consigli per prevenire i furti di biciclette: utilizzare sempre un buon lucchetto, anche quando la bici viene parcheggiata solo per pochi minuti; allacciare telaio e ruota anteriore ad un elemento ancorato saldamente al terreno come rastrelliere e pali; utilizzare un secondo lucchetto, se possibile, per bloccare telaio e ruota posteriore; non lasciare le chiusure del lucchetto a livello della pavimentazione, perchè è più facile forzarle; parcheggiare la bicicletta in luoghi non troppo affollati e, se possibile, dai quali sia possibile tenerla sotto controllo; sfruttare il raggio d'azione di telecamere di videosorveglianza cittadina, spazi che solitamente anche i ladri conoscono e che per questo motivo evitano; se la bici non ha un numero di telaio, inserire un segno di riconoscimento e di identificazione, come un adesivo particolare, un biglietto all'interno del tubo della sella, per riconoscerla in caso di ritrovamento; scattare sempre una fotografia della propria bicicletta, per semplificare denuncia e ritrovo del mezzo; tenere a portata di mano il libretto della bici con numero di telaio e marca; in caso di furto della bicicletta, denunciare sempre il furto alle Forze di Polizia, utile per il ritrovamento dei mezzi ma anche per individuare i cosiddetti "black-points" e monitorare il territorio. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 ottobre 2019

  • Col furgone tampona mezzo pesante in A22, muore giovane veronese

  • Veronese violentata dopo una serata al Mascara, arrestato il branco

  • Volotea, due nuove rotte dal Catullo e l'offerta biglietti sfiora il milione

  • Una fatale distrazione potrebbe aver spezzato la vita del 27enne in A22

  • Razzismo in un B&B di Verona, il gestore si scusa: «Parole mal pesate»

Torna su
VeronaSera è in caricamento