Furti a raffica nelle case e in strada: chiesta l'associazione a delinquere per la banda

Il gruppo era stato fermato dai carabinieri di Minerbe e del Norm di Legnago alla fine del 2017, ma le indagini sono andate avanti per risalire alla provenienza della refurtiva rinvenuta e quanti colpi potessero aver messo a segno

Una parte della refurtiva recuperata

Alla fine del 2017, il 29 dicembre, i carabinieri di Minerbe, con l'aiuto dei colleghi del Nucleo Radiomobile e Operativo di Legnago, arrestarono tre persone nell'ambito delle indagini sull'escalation di furti in abitazione che era stata registrata nella zona. Finirono in manette subito dopo un colpo ed un inseguimento sulla Transpolesana che si concluse solamente in un'area di sosta nel rodigino, mentre una quarta persona venne denunciata dopo la perquisizione dell'abitazione in cui risiedeva la coppia del trio già fermato, nella quale venne trovata la refurtiva di diversi colpi (oltre 100 monili) e le ricevute di alcuni Compro oro a cui era già stata venduta della merce
Le indagini dei carabinieri però, coordinate dal Pm Pascucci, sono andate avanti per cercare di recuperare l'interno bottino, anche la parte di cui i malviventi si erano già liberati, e per risalire ai legittimi proprietari. Un'attività che ha portato gli inquirenti ad attribuire al gruppo una ventina di colpi, una quindicina dei quali messi a segno in varie case, tra le province di Verona, Rovigo e Padova. Oltre alle accuse di uso improprio di carte di credito, ricettazione e furto aggravato in abitazione, con strappo e destrezza, il giudice quindi ha deciso di aggiungere un nuovo capo d'imputazione, quello di associazione a delinquere, che ha spalancato le porte del carcere anche per la quarta persona. 

DSC_0421-3-2

Si aggrava dunque la posizione di Giancarlo Catter (classe 1985) e Luca Bonora (classe 1982), che già si trovavano in carcere, dove martedì li ha raggiunti Giuseppe Bellinati (classe 1961), in precedenza denunciato. Deceduta invece a luglio 2018 la quarta componente della banda, Candy Suffer, classe 1980 e all'epoca dei fatti compagna di Catter. 

DSC_0422-2

I RISULTATI DELLE INDAGINI - Stando a quanto hanno potuto appurare gli uomini del comandante De Angelis, sarebbero quindi una ventina i furti messi a segno tra la fine del 2015 e tutto il 2017 tra Verona, Rovigo e Padova, con i bottini che venivano poi venduti ai Compro oro scaligeri, patavini o mantovani (nessuno di questi risulta essere indagato). 
Per mettere a segno i colpi la banda avrebbe utilizzato più o meno sempre gli stessi modus operandi. Se il furto veniva commesso in strada cercavano "lo strappo" o di aggirare la vittima, spesso con la tecnica "dell'abbraccio", che sarebbe stata messa in pratica principalmente da Suffer. Se invece il colpo veniva tentato in abitazione, un uomo restava alla guida dell'auto, mentre gli altri due si avvicinavano alla casa, solitamente isolata e abitata da una persona anziana: se il residente era presente, cercavano di entrare con una scusa (come bere un bicchiere d'acqua o andare in bagno) e poi di raggirarlo per derubarlo, altrimenti forzavano una porta per fare razzia dei preziosi che vi trovavano all'interno. La quarta persona invece, Bellinati, si occupava poi di smerciare la refurtiva. 
Con modalità un po' diverse è stato invece messo a segno il furto in un'azienda agricola di Montagnana, nel padovano, dove la banda si era appropriata di alcune carte di credito presenti all'interno di un'auto: il loro utilizzo e gli accertamenti eseguiti poi dai carabinieri, hanno permesso di accusare i malviventi anche di questo reato. 

DSC_0425-2

IL BOTTINO - Sono rintracciati quasi tutti i proprietari degli oltre 100 monili recuperati, alcuni dei quali sono già stati restituiti, mentre altri saranno presto dissequestrati. 
Oltre al valore economico, diversi di questi oggetti avevano un forte legame affettivo per i loro possessori, come il caso della collana di una donna ultra 80enne, che la ricevette dalla madre sul letto di morte. O come quello di un ex dipendente delle Ferrovie, al quale fu regalato un orologio per i suoi 40 anni di servizio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

DSC_0423-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

Torna su
VeronaSera è in caricamento