Beccato furbetto pass disabili: l'intestatario era morto da sette anni

In via Nicola Mazza una Citroen C3 sostava su uno stallo riservato ai disabili con esposto un pass intestato ad una persona deceduta nel 2009. Immediata la rimozione del veicolo

La Polizia municipale ha ritirato nella notte tra venerdì 29 e sabato 30 aprile un pass riservato ai disabili scaduto nel 2013 ed intestato ad una persona deceduta nel 2009, che pertanto da sette anni non poteva essere utilizzato. Il permesso era esposto sul cruscotto di una Citroen C3 parcheggiata in uno spazio invalidi di via Nicola Mazza e, controllata attorno alle 22 da un agente, è stata immediatamente rimossa, visto che stava occupando un posto riservato in modo irregolare.

Alle 4.30 il conducente della C3, nipote 33enne dell'intestatario del permesso, si presentava presso la ditta incaricata per ritirare il veicolo. In quel momento gli agenti ritiravano il permesso e contestavano la doppia violazione: sosta irregolare ed utilizzo altrettanto irregolare del pass.

Grazie alle campagne informative ed ai controlli massicci messi in atto dalla Polizia municipale negli anni scorsi non sono più molto numerosi i cittadini che utilizzano in modo irregolare il pass disabili, intestato a familiari o clonato. Anche se la situazione sembra essere molto migliorata rispetto al passato, non si tratta ancora di un fenomeno completamente debellato: nel mese di aprile sono state quattro le violazioni accertate a carico di conducenti che utilizzavano irregolarmente dei permessi disabili, tre dei quali a visitatori di Vinitaly provenienti da fuori città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel mese di marzo sono invece state due le violazioni accertate, una per uso irregolare da parte di un familiare e l'altra perché l'intestatario era deceduto. Tra marzo ed aprile sono stati complessivamente poco meno di 400 i controlli sugli stalli disabili; solo 17 le violazioni accertate a carico di automobilisti che avevano parcheggiato in modo irregolare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento