Fondazione Arena. Il Consiglio di indirizzo indica il nuovo Sovrintendente

Si tratta di Cecilia Gasdia, cantante lirica di fama internazionale che in oltre 30 anni di carriera ha interpretato più di 90 ruoli operistici e dal 2015 dirige l’accademia per l’Opera Italiana a Verona

Si è tenuto nel pomeriggio dell'8 gennaio il primo incontro del Consiglio di indirizzo della Fondazione Arena, al termine del periodo di Commissariamento.
A presiedere il Sindaco Federico Sboarina, in qualità di presidente della Fondazione Arena. Il Consiglio è composto da Michele Bauli nominato dal Comune, Gabriele Maestrelli dalla Regione, Flavio Piva dal Ministero dei Beni culturali e Giuseppe Riello dalla Camera di Commercio, socio privato.
Durante l’incontro, al primo punto dell’ordine dei lavori, è stato indicato il nome del soprano veronese Cecilia Gasdia quale nuovo Sovrintendente. L’indicazione sarà ora trasmessa al Ministero per l’atto ufficiale di nomina.

Cantante lirica di fama internazionale, Cecilia Gasdia ha interpretato, in oltre 30 anni di carriera, più di 90 ruoli operistici, rappresentando ancora oggi una delle più affermate cantanti liriche italiane.
Dal 2015 dirige l’accademia per l’Opera Italiana a Verona e dal 2017 è docente presso l’Accademia verdiana del Teatro Regio di Parma.

Arrivo_dei_componenti_del_consiglio_alla_sede_della_Fondazione_Arena-2

Chi invece è sembrato rimanere perplesso per questa scelta è il gruppo consiliare del Partito Democratico composto da Carla Padovani, Stefano Vallani, Elisa la Paglia e Federico Benini, insieme a Tommaso Ferrari del Gruppo Verona Civica. 

Non si capisce bene quale sia il criterio che ha guidato il Sindaco Sboarina a passare da Gianfranco De Cesaris, un manager di punta ma senza esperienza in campo culturale, a Cecilia Gasdia, nome noto nel settore ma solo per meriti artistici, non certo manageriali. E' Sboarina che contraddice se stesso. Nella situazione in cui si trova la Fondazione Arena l’improvvisazione dovrebbe essere evitata, tanto più che Gasdia era già stata prescelta per il ruolo di direttore artistico. Coprire una casella per lasciarne scoperta un’altra è indice di poca lucidità. L’imbarazzo della scelta avrebbe potuto essere proficuamente risolto con un bando pubblico per l’individuazione del profilo professionale e manageriale migliore. Evidentemente debiti politici pregressi hanno prevalso sulla razionalità. La mancanza di condivisione e di un confronto franco e aperto sull’indicazione del Sovrintendente rischia di portare in eredità alla Fondazione Arena soluzioni di ripiego.

Consiglio_di_indirizzo_Fondazione_Arena-2

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di maurizio
    maurizio

    Non si capisce affatto che cosa stia dicendo l'opposizione

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tragedia in un'azienda di Lonigo: muore un 36enne residente a San Giovanni Ilarione 

  • Cronaca

    ​Maxi blitz di polizia e carabinieri in Veronetta, presente il sindaco. Verifiche in tutti i negozi

  • Cronaca

    Incidente in piscina: una bambina di cinque anni in ospedale per trauma cranico

  • WeekEnd

    Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 25 al 27 maggio 2018

I più letti della settimana

  • Chiara non ce l'ha fatta: è morta la 18enne caduta nell'area della funicolare

  • Pfas, la Regione ridisegna le aree ed estende lo screening tra i minorenni

  • San Pietro in Cariano, scomparsa donna di 82 anni. Figli lanciano un appello

  • Disperso sul Baldo, ritrovato il corpo senza vita del parroco di Caprino

  • Turisti ubriachi devastano un bar a Lazise: sette denunciati per furto e danneggiamento

  • Trovata in un vigneto la donna di 82 anni scomparsa a San Pietro in Cariano

Torna su
VeronaSera è in caricamento