Qualità dell'aria, rientra l'allerta arancio. Le stufe si possono riaccendere

L'amministrazione comunale non smette comunque di consigliare ai cittadini di mantenere stili di vita e comportamenti rispettosi dell'ambiente

È rientrata l'allerta arancio per lo sforamento continuo del limite di Pm10 nell'aria di Verona. Termina dunque con oggi, 5 febbraio, il divieto di utilizzo impianti alimentati a legna o a pellet.

L'ultimo bollettino di Arpav ha rilevato un miglioramento della qualità dell’aria. Le concentrazioni di polveri sottili a Verona negli ultimi giorni sono state mediamente comprese tra i 15 e i 22 nanogrammi per metro cubo d'aria, quando il limite è di 50 nanogrammi.

L'amministrazione comunale non smette di consigliare ai cittadini di mantenere stili di vita e comportamenti rispettosi dell'ambiente, ricordando ad esempio di mantenere il riscaldamento domestico tra i 19 e i 20 gradi centigradi e di utilizzare il meno possibile l'auto privata.

Potrebbe interessarti

  • Autostima: cos'è e come ci si lavora

  • Sanità, nascono in Veneto i team di assistenza primaria: «Facilitare l'accesso alle cure»

  • Avis Regionale Veneto e Confservizi Veneto: siglata una importante collaborazione

  • Riso: proprietà e ricette salutari

I più letti della settimana

  • Trattore si ribalta e non gli lascia scampo: morto un agricoltore

  • A una settimana dallo scontro con uno scooter, si è spento Alvise Trincanato

  • Cadavere trovato nel canale "Menaghetto": la donna è stata identificata

  • Aggressione con arma bianca a Verona: una persona in codice rosso

  • Abusa della figlia più piccola per cinque anni, medico veronese condannato

  • Capannone a fuoco, centinaia di polli bruciati: in aiuto i pompieri di Legnago

Torna su
VeronaSera è in caricamento