Acque Veronesi ottiene un finanziamento da 20 milioni per gli investimenti

Il Presidente Niko Cordioli: "Sarà possibile realizzare lavori attesi da anni: dal riammodernamento di reti acquedottistiche e fognarie alla costruzione di nuove infrastrutture"

"Garantire ai sindaci un piano delle opere che venga incontro alle esigenze ed alle necessità del territorio e dei propri cittadini, programmando con serenità e con una robusta copertura economica alle spalle, investimenti certi e sicuri a vantaggio della collettività".

Niko Cordioli, presidente di Acque Veronesi, ha illustrato la situazione attuale e le prospettive future della società consortile che gestisce il servizio idrico integrato in 77 comuni della provincia scaligera. Cordioli ha spiegato che la società di Lungadige Galtarossa ha recentemente ottenuto un importante finanziamento di 20 milioni di euro da un pool di banche composto da: Banco Popolare di Verona, Bnl Paribas, Unicredit Banca d’Impresa, Monte dei Paschi di Siena, Veneto Banca e Banco Popolare di Vicenza. Grazie a questo fondo, Acque Veronesi stima di implementare il proprio piano di investimenti 2014-2017, originariamente di 48 milioni di euro, portandolo a 65 milioni. Inoltre è in previsione di poter raggiungere la cifra di 94 milioni di euro nel periodo 2016-2021. A queste cifre vanno aggiunti gli investimenti per la realizzazione di nuovi allacciamenti idrici e fognari in tutta la provincia veronese, stimabili in 7 milioni per il triennio 2014-2017 e 8 milioni per il triennio 2016-2021.

Acque Veronesi dal marzo 2007 ha realizzato investimenti per oltre 130 milioni di euro, nonostante fosse stata dotata di un capitale di partenza di un solo milione. Nei prossimi giorni, il Cda di Lungadige Galtarossa ha già calendarizzato una serie di incontri per valutare ed individuare insieme ai primi cittadini dei comuni serviti le priorità degli interventi da programmare nei prossimi mesi e anni.

"È nostro dovere prestare attenzione a tutto il territorio, in particolare a quelle zone dove le infrastrutture o sono particolarmente vecchie o addirittura mancano completamente - ha commentato Cordioli - Grazie a questo finanziamento, sarà resa possibile la realizzazione di lavori attesi da anni: dal riammodernamento di reti acquedottistiche e fognarie alla costruzione di nuove infrastrutture, ampliando così il piano della opere su tutto il territorio veronese. Ritengo che sia fondamentale creare sinergie e collaborazione tra gli enti e le amministrazioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cordioli ha ricordato infine che Acque Veronesi eroga oltre 60 milioni di metri cubi di acqua potabile ogni anno, applicando una delle tariffe più basse di Italia secondo l’indagine di Federconsumatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento