Fermato in stazione e portato in ospedale: ha un chilo di eroina in pancia

Lo ha fermato la Polfer dopo aver ricevuto la segnalazione della Guardia di Finanza di Trento, il cui cane aveva avvertito la presenza dello stupefacente: i militari però non erano riusciti ad intervenire in tempo e hanno lanciato la segnalazione

La radiografia

Un corriere della droga è stato intercettato alla stazione di Verona dalla Polizia ferroviaria, su segnalzione della Compagnia della Guardia di Finanza di Trento. 
Come riferiscono i colleghi di TrentoToday, l'uomo, un 26enne cittadino nigeriano, era sceso dall'Eurocity Monaco-Bologna per il breve tempo di una sigaretta, una volta arrivato allo scalo ferroviario trentino. Tanto è bastato al cane antidroga Aipol, per fiutare la sostanza nascosta nel suo stomaco: l'uomo infatti, si scoprirà in seguito, nascondeva 76 ovuli termosaldati contenenti eroina purissima, per un peso totale di circa un chilo.
Il giovane poi è risalito a bordo del treno ed ha ripreso il proprio viaggio, senza che le Fiamme Gialle potessero intervenire. È scattata così la segnalazione alla Polfer scaligera, che ha individuato il 26enne e lo accompagnato in ospedale, dove le radiografie hanno confermato i sospetti e, dopo le cure del caso, il nigeriano è stato portato nel carcere di Montorio.
Questo tipo di trasporto per le sostanze stupefacenti, tra l'altro, è rischiosissimo anche per lo stesso corriere, che può perdere la vita in caso da uno degli ovuli fuoriesca il contenuto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

Torna su
VeronaSera è in caricamento