Due anni di solleciti a vuoto, Federico Benini ripara la staccionata della pista ciclabile

Il Capogruppo Pd in Terza Circoscrizione Federico Benini, dopo un aver sollevato il problema ufficialmente nel corso di anni, alla fine se l'è sbrigata da solo supportato da altri volontari

Nel pomeriggio di oggi, sabato 15 aprile verso le ore 16, insieme ad una ventina di volontari, il Capogruppo Pd in Terza Circoscrizione Federico Benini è stato protagonista dell'iniziativa che ha consentito di dotare la pista ciclabile del Saval di una nuova staccionata.

Sono stati infatti installati e fissati 10 dei 20 pali mancanti della staccionata lungo la ciclabile in direzione Chievo. "Ora per i pezzi mancanti, - ha puntualizzato il Capogruppo del Partito democratico - mi auguro che il Comune si faccia tempestivamente carico di installarli, sebbene due anni di solleciti da parte mia non siano stati sufficienti".

Insommma, Federico Benini ha deciso di sbrigarsela da solo: ha comprato online 10 pali da 2,5 metri per 8 cm di diametro, spendendo circa 100 euro di tasca propria. E questo pomeriggio insieme ad altri volenterosi si è recato sulla ciclabile del Camuzzoni, nel tratto finale tra via Quarto Ponte e via Marin Faliero, per rimpiazzare le parti del parapetto rotte.

"È fondamentale ripararli - ha poi voluto aggiungere l'esponente dle Pd - soprattutto per la sicurezza delle centinaia di bambini che ogni giorno regolarmente transitano sulla ciclabile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Strage di Santa Lucia" a Sommacampagna: il disastro aereo in località Poiane

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

  • "Cori razzisti". Un video mette i tifosi dell'Hellas ancora al centro della bufera

  • Droga, cellulari, manette e armi in casa: 38enne della Bassa arrestato

Torna su
VeronaSera è in caricamento