Farah a Palazzo Barbieri: "Grazie per avermi fatta tornare alla mia vita"

La giovane rientrata giovedì dal Pakistan, dove il padre l'avrebbe riportata con l'inganno per farla abortire, ha incontrato la stampa. Nel frattempo sono state formalizzati i pesanti capi d'accusa a carico del genitore

Ringrazio tutti coloro che mi hanno permesso di tornare alla mia vita, facendomi uscire da una situazione difficile”.
Sono queste le prime parole di Farah, la ragazza pakistana che, rientrata in Italia da qualche giorno grazie all’intervento delle autorità, ha incontrato la stampa sabato mattina a Palazzo Barbieri per ringraziare chi l’ha aiutata e chiedere a tutti di rispettare, da adesso, il suo desiderio di tornare nell’anonimato.

Vorrei ringraziare prima di tutto lo Stato pakistano – ha proseguito Farah - che, assieme alla Commissione sui diritti della donna del Punjab, mi ha aiutato ad uscire dalla condizione in cui mi trovavo. E poi lo Stato italiano e il Comune di Verona, nella persona dell’assessore Bertacco, che mi hanno permesso di tornare, procurandomi i documenti che non avevo più. Grazie anche alla stampa che, evidenziando la notizia, ha portato il mio caso all’attenzione delle autorità competenti. Ora che inizio ad essere più tranquilla, grazie anche all’ambasciata e alla scorta dei Carabinieri di Bolzano che mi hanno aiutato dandomi protezione e sicurezza, spero di tornare alla mia vita normale. Ho rivisto il mio fidanzato e sentito al telefono i miei amici, che ringrazio per quello che hanno fatto. Nei prossimi mesi vorrei fare la maturità con i miei compagni di classe e poi proseguire gli studi, chiudendo definitivamente questa vicenda e dimenticando tutto. Per questa mattina mi basta una colazione con cappuccino e brioche”.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Con oggi vogliamo chiudere definitivamente questa vicenda – ha spiegato l’assessore ai Servizi sociali Stefano Bertacco - e ridare finalmente a Farah quella libertà che tanto desidera. Vi chiediamo quindi di rispettare i suoi desideri, che sono quelli di essere dimenticata e poter pensare alla maturità, al suo fidanzato e a tutte quelle cose che fanno parte della vita di una ragazza della sua età. Ovviamente dopo tutto quello che è successo, Farah è stanca e provata, ma ci teneva a ringraziare pubblicamente tutti coloro che l’hanno aiutata e hanno fatto sì che la vicenda si chiudesse positivamente. Questo è stato possibile solo grazie alla partecipazione di tante persone, che hanno collaborato creando una straordinaria rete di rapporti locali e internazionali. Ringrazio personalmente tutti i corpi diplomatici che in queste settimane hanno lavorato tanto perché la situazione si risolvesse nel migliore dei modi. Farah ha le idee chiarissime di cosa vuole per la sua vita, aiutiamola, lasciandola libera di vivere normalmente la sua quotidianità. Per ora resterà, fino a quando sarà necessario, in uno dei nostri alloggi protetti”.

Nel frattempo però proseguono le indagini sulla vicenda. Farah è stata sentita in Questura non appena rientrata a Verona e ha raccontato alle forze dell'ordine la sua versione dei fatti. A rispondere di quanto avvenuto sarà innanzitutto il padre, accusato dal pubblico ministero di sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia, per i quali comparirà in tribunale nel marzo 2019 per l'udienza preliminare. 
Ciò che eventualmente è avvenuto in Pakistan invece, è oggetto delle indagini delle forze dell'ordine locali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Morto a 53anni sulla A22: forse un colpo di sonno la causa dello schianto

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

Torna su
VeronaSera è in caricamento