Controlli sui redditi da una semplice multa, giro di vite sugli evasori

La polizia municipale avvierà controlli partendo dalle contravvenzioni per divieto di sosta: si incroceranno i dati con quelli dell'Agenzia delle Entrate e si chiamerà la Finanza in caso di anomalie

Una Ferrari Enzo parcheggiata in città (foto web)

Se la burocrazia è lenta, il Fisco è velocissimo. E la polizia municipale ancora di più. Arrivano tempi duri per evasori furbetti e finti poveri con i milioni in banca. I controlli incrociati sulla dichiarazione dei redditi potrebbero partire con un semplice divieto di sosta. Così, se il possessore di una Porsche, un Suv di lusso, ma anche utilitarie Bmw e Audi, commette qualche infrazione, anche minima, il suo reddito sarà spulciato e partiranno gli accertamenti fiscali. Se non stupisce la misura che si è "inventata" la Municipale di Verona (ma non è la sola) per fare cassa e stanare i "nemici dello Stato", magari sorprende la percentuale di veronesi beccati a dichiarare 10mila euro e girare con l'ultimo modello Audi. Si aggira infatti attorno al 20% la quota di cittadini che dichiarano altro da ciò che guadagnano effettivamente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Macchine che partono da 60mila euro, magari immatricolate in Germania o Svizzera e molte prese in leasing tramite l'azienda di lavoro. Tuttavia i costi rimangono quelli, così come le spese di manutenzione. Insomma, non è solo la "macchina aziendale". E' un punto da cui partire e verificare che tutto sia in regola. Il confronto tra guadagni e spese sostenute saltano anche più all'occhio di questi tempi di crisi nera. Il controllo parte quindi da una multa o un controllo della targa. Si incrociano i dati con quelli dell'Agenzia delle Entrate e poi, se si notano "anomalie" si gira la pratica agli accertatori del Fisco e agli uomini della guardia di finanza. In pochi mesi sono decine i casi segnalati e da cui partiranno indagini. Come spiega il Corriere Veneto, uno degli evasori più eclatanti girava in Ferrari da 240mila euro ma ne dichiarava 14mila all'anno. Secondo stime approssimative, da questo progetto il Comune di Verona conta di guadagnare 2,1 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

Torna su
VeronaSera è in caricamento