Emergenza idrica, appello di Acque Veronesi ai Comuni dell'est: "Limitare l’uso dell’acqua"

Si fa sempre più grave l'emergenza idrica nell’est veronese. L'azienda Acque Veronesi ha inviato alle amministrazioni comunali la richiesta di emanare apposite ordinanze per limitare l’uso dell’acqua potabile durante le intere 24 ore fino al 20 agosto

Divieto assoluto su tutto il territorio comunale di prelievo per l’intero arco delle 24 ore, per uso non domestico di acqua potabile dal civico acquedotto e in particolare per l’irrigazione di orti, giardini, lavaggio automezzi, lavaggio di cortili e riempimento di vasche e piscine. L’obiettivo è limitare il consumo di acqua potabile al minimo indispensabile. Questo il contenuto delle richieste di ordinanze inviate questa mattina, venerdì 4 agosto, da Acque Veronesi a numerose amministrazioni comunali dell’est veronese.

Il grave stato di siccità sta generando una continua diminuzione della disponibilità di acqua presso i pozzi e le sorgenti di approvvigionamento in tutto il territorio servito dalla società consortile ed in particolare nella Val d’Alpone, dove la situazione incomincia ad essere molto critica. Per tale motivo Acque Veronesi, oltre all’invito ai primi cittadini ad emettere le ordinanze, sta provvedendo in queste ore ad incrementare l’utilizzo di autobotti in diverse zone della provincia.

La missiva contenente la richiesta di ordinanza avrà validità fino al 20 agosto (potrà essere modificata in base all’andamento meteorologico) ed è stata inviata alle amministrazioni dei seguenti Comuni: Badia Calavena, Cazzano di Tramigna, Colognola ai Colli, Illasi, Lavagno, Mezzane, Montecchia di Crosara, Monteforte, Roncà, S.Mauro di Saline, S.G.Ilarione, Soave, Tregnago, Velo Veronese e Vestenova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad oggi Acque Veronesi sta utilizzando autobotti per l’approvvigionamento dei serbatoi nei territori comunale di: Mezzane, San Giovanni Ilarione, Vestenanova, Roncà, Velo Veronese e Marano di Valpolicella. Se anche nei prossimi giorni la mancanza di eventi atmosferici dovesse proseguire il numero di autobotti sarà incrementato. Per quanto concerne la pianura veronese la situazione presenta criticità un po’ ovunque, criticità comunque al momento tamponate grazie alle ordinanze di restrizione già emesse nelle scorse settimane da diversi Comuni della bassa. Acque Veronesi sta costantemente monitorando l’andamento dei consumi e gli eventuali casi di gravi disservizi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento