La rapina dell'auto finisce in trageda: resiste ai banditi, viene investita e muore

La vittima si era fermata con un'amica al Postamat di Noventa Vicentina. Mentre l'amica prelevava, lei è rimasta nell'auto che due malviventi hanno provato a portar via con la forza

Foto di repertorio

Una donna è deceduta oggi, 13 marzo, per una rapina avvenuta a Noventa Vicentina, vicino all'ufficio postale. La vittima è una donna di origini romene, classe 1968, residente nel Veronese, come anche la nipote 32enne che si trovava con lei nella Mercedes che due banditi hanno cercato di prendere con la forza.

Secondo una prima ricostruzione, le due si erano fermate all'ufficio postale per un prelievo al Postamat. Una è andata a prelevare e l'altra è rimasta in macchina e proprio quest'ultima ha avuto la peggio durante la rapina. I malviventi, come riportato da VicenzaToday, avrebbero cercato di spingerla fuori dal veicolo per poter scappare con l'auto. Lei avrebbe opposto resistenza ed è stata investita, morendo poco dopo aver ricevuto i primi soccorsi.

Indagini da parte dei carabinieri, che hanno disposto posti di blocco in tutta Italia, inclusi i valichi di frontiera. I banditi sono fuggiti a bordo di una Fiat Panda.

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • Mercato immobiliare sul Lago di Garda: Peschiera al primo posto

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 16 al 18 agosto 2019

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Jeremy Wade pronto a svelare il mistero di "Bennie", il mostro del lago di Garda

  • Turismo a Verona, Tosi: «In calo. L'assessore Briani ammetta le sue colpe»

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

Torna su
VeronaSera è in caricamento