Manifestazione No Pfas, Miteni accerchiata. L'azienda: "Sbagliate bersaglio"

Gruppi e movimenti che si battono contro l'inquinamento delle acque in Veneto hanno organizzato l'evento "DifendiAmo Madre Terra" a Trissino, davanti alla ditta che ha replicato

(Foto Facebook)

Si è svolta questa mattina, 22 aprile, la manifestazione "DifendiAmo Madre Terra" organizzata da gruppi e movimenti No Pfas. Il ritrovo è stato intorno alle 11 a Trissino, davanti all'azienda Miteni, ritenuta la principale responsabile dell'inquinamento delle acque nelle province di Vicenza, Verona e Padova. La Miteni è stata poi simbolicamente accerchiata dai manifestanti.

Un evento definito "incomprensibile e fuorviante" dalla direzione della Miteni.

Si vuole accerchiare simbolicamente un'azienda che ormai da tempo, secondo i dati Arpav, contribuisce solo per l'1% alla presenza dei Pfas negli scarichi del collettore delle industrie della zona, mentre si lasciano fuori dalla catena umana i responsabili del rimanente 99%. Le zone con maggiore contaminazione sono quelle in corrispondenza degli scarichi del collettore Arica, con epicentro in aree come Cologna Veneta o Arzignano dove la falda Miteni nemmeno arriva. In quegli scarichi i Pfas Miteni nel 2017 sono stati mediamente dello 0,89% del totale. È una manifestazione che evidentemente circonda l'obiettivo sbagliato, uno stabilimento da cui esce già da tempo una parte irrilevante delle sostanze contro cui si protesta. La storia dello sviluppo industriale di questo territorio e delle leggi che lo governano è complessa e Miteni, rispettando sempre le normative, ha certamente avuto un ruolo nel passato nella diffusione in ambiente dei Pfas; che non sia mai stata la sola però i dati lo rivelano in modo esplicito. Questa proprietà, questa amministrazione, da quando si è insediata nel 2016, ha affrontato con impegno anche il problema dell'eredità precedente con risultati concreti e importanti. Chi cerca facile consenso attaccando un simbolo invece di prendere atto della situazione e di trovare soluzioni, dimostra di non avere la volontà di affrontare e risolvere il problema.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Senza cinture al momento dello scontro: grave la bimba, indagata la madre

Torna su
VeronaSera è in caricamento