Infermiera uccisa a coltellate a San Bonifacio, slitta la sentenza per il delitto Armando

Il pubblico ministero Giulia Labia aveva chiesto il carcere a vita per altri quattro imputati, tra questi le due figlie della vittima, dopo la condanna passata in giudicato di Alessandra Cusin

La casa della vittima a San Bonifacio - immagine d'archivio

È stata rinviata al 24 novembre la sentenza al processo per l'omicidio di Maria Armando, l'infermiera 42enne che il 21 febbraio 1994 venne uccisa a coltellate nella sua casa a San Bonifacio (Verona).

Un "cold case" che come riportato dall'Ansa è stato riaperto dalle indagini dei Carabinieri: la vicenda processuale aveva già portato all'ergastolo per Alessandra Cusin, amica delle figlie della vittima, sentenza definitiva dopo la conferma in Cassazione.

Ma sono state proprio le rivelazioni di Cusin a far partire un secondo troncone di processo, e alla Corte d'assise di Verona il pubblico ministero Giulia Labia ha chiesto il carcere a vita per altri quattro imputati: le due figlie della vittima, Cristina e Katia Montanaro, l'ex fidanzato della prima, Salvador Versaci, e un'amica, Marika Cozzula. Ad armare la mano delle figlie, secondo l'accusa, sarebbe stato l'interesse ad entrare in possesso della casa della madre per poi venderla e dividere l'incasso.

Potrebbe interessarti

  • Autostima: cos'è e come ci si lavora

  • Sanità, nascono in Veneto i team di assistenza primaria: «Facilitare l'accesso alle cure»

  • Avis Regionale Veneto e Confservizi Veneto: siglata una importante collaborazione

  • Riso: proprietà e ricette salutari

I più letti della settimana

  • Trattore si ribalta e non gli lascia scampo: morto un agricoltore

  • A una settimana dallo scontro con uno scooter, si è spento Alvise Trincanato

  • Cadavere trovato nel canale "Menaghetto": la donna è stata identificata

  • Tragedia sulla SR450, tre ragazzi investiti da un'auto: due 20enni morti

  • Stroncata da una malattia durante una vacanza: 17enne muore in Grecia

  • Aggressione con arma bianca a Verona: una persona in codice rosso

Torna su
VeronaSera è in caricamento