“Maledetta primavera” per l'agricoltura: una catastrofe senza precedenti

Pioggia e freddo hanno in gran parte compromesso il raccolto di pere, kiwi, albicocche, pesche e meloni. Agrinsieme alla Regione: fate presto con la stima dei danni e bloccate la cementificazione

La scorsa settimana qualche giornata illusoria di tempo stabile ha indotto alcuni agricoltori a tentare di recuperare un po' di foraggio, altri sono tornati sui campi per riprovare a seminare, ma hanno dovuto desistere, abbandonando il trattore sommerso dal pantano. E' ormai evidente che pioggia e freddo hanno compromesso definitivamente il raccolto di gran parte della frutta della provincia veronese, in particolare: pere, albicocche, ciliegie, pesche, kiwi, meloni. Le piantine dei prodotti ortofrutticoli, quando è stato possibile trapiantarle, stanno marcendo sui campi.

Il coordinamento tra Confagricoltura, Cia, Confcooperative e Lega delle Cooperative Agrinsieme Verona, ribadendo che ogni stima dei danni è prematura e che un dato corretto si potrà avere soltanto nei prossimi mesi, conferma l'impegno a monitorarli e mantenerli aggiornati nel tempo. Agrinsieme, nel chiedere alla Regione Veneto di inoltrare la richiesta di calamità naturale al ministero, domanda un impegno preciso e chiaro sulle risorse che intende stanziare a sostegno delle aziende colpite, unitamente ad un'indicazione chiara sui tempi di erogazione. E' necessario che Avepa inizi l'attività di sopralluogo e che da parte della Regione vi siano indicazioni precise sulla modalità di rilevazione dei danni. Agrinsieme sollecita inoltre Regione ed Avepa a prendere atto dell'anomalia di questa annata agraria, in ragione della quale non risulterà possibile per le aziende agricole attendere pienamente ad alcune norme comportamentali di conservazione del suolo, scadenze e adempimenti burocratici.

Nel contempo è necessario che i consorzi di bonifica esonerino dalla contribuzione i terreni allagati laddove ciò è dovuto ad una carenza dei sistemi di scolo consortili. La capacità di assorbimento delle acque piovane da parte dei terreni agricoli è anche la conseguenza di una cementificazione che in 10 anni, solo in provincia di Verona, ha sottratto 5600 ettari di terreni per nuove costruzioni civili ed industriali ed opere viarie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Omicidio di Isola Rizza ripreso dalle telecamere: il cerchio inizia a stringersi

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento