Ferroli di San Bonifacio, ipotizzati 536 esuberi. "Le istituzioni si attivino"

La richiesta è arrivata dalla consigliera regionale tosiana Giovanna Negro: "Mi metterò a disposizione per bloccare e rivedere l'ipotesi degli oltre 500 esuberi"

"Si parla di ben 536 esuberi alla Ferroli previsti nel nuovo organigramma aziendale, se ciò fosse confermato sarebbe un gravissimo danno per centinaia di famiglie: le istituzioni si attivino subito per evitare la perdita dei posti di lavoro".

Così è intervenuta la consigliera regionale tosiana Giovanna Negro in Consiglio regionale, poco dopo essere stata informata che nel nuovo piano industriale della Ferroli di San Bonifacio sono stati ipotizzati 536 esuberi. I sindacati conosceranno il piano in un incontro in programma oggi, 20 luglio, dopo che alla fine del 2015 era stato omologato il piano di ristrutturazione dei debiti. 

"Il colosso del calore veronese - continua Giovanna Negro - in crisi finanziaria da anni e dato per spacciato dopo un'istanza di fallimento lo scorso maggio, ora fa tremare i propri dipendenti con simile ipotesi che, ci auguriamo, siano solo ventilate e non confermate. Chiediamo immediata e pronta attenzione da parte delle istituzioni del territorio, della giunta regionale e del governo nazionale per scongiurare una simile eventualità drammatica per molte famiglie veronesi. Mi metterò personalmente a disposizione quale portavoce di un tavolo istituzionale per bloccare e rivedere l’ipotesi degli oltre 500 esuberi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Tre persone portate in ospedale dopo un scontro frontale tra due auto

  • Verona e le sue bellezze storiche e culturali approdano in tv sulla Rai

  • Aveva un tumore al collo, neonata operata durante il parto a Verona

  • Una persona travolta da un treno a Verona: sospeso il traffico ferroviario

Torna su
VeronaSera è in caricamento