Tre nuovi morti positivi al virus a Verona: netto calo delle terapie intensive in tutto il Veneto

Si conferma il calo dei ricoveri in Veneto, in particolare quelli in intensiva (-19). A Verona 3 nuovi decessi, mentre i ricoveri totali sono 583 (-2) a fronte di 2.539 positivi attuali rilevati

Le tende per il triage all'ingresso dell'ospedale di Negrar

Secondo gli ultimi dati forniti dalla Regione Veneto e aggiornati alle ore 8 di questa mattina, martedì 7 aprile, il numero di soggetti attualmente rilevati positivi al virus Sars-CoV-2 è passato dai 10.025 di ieri sera agli odierni 10.203 (+178). Le persone che si sono negativizzate al coronavirus sono nel complesso in Veneto 1.027, vale a dire 38 in più rispetto a lunedì sera. Cresce purtroppo anche il numero dei deceduti, tra ambito ospedaliero ed extra ospedaliero, passando dai 684 di ieri a 695 morti complessivi ad oggi (+11, di cui 9 in ospedali veneti per pazienti acuti). Nella provincia di Verona le persone rilevate attualmente positive al virus sono 2.539, vale a dire 50 in più rispetto alle 2.489 indicate ieri sera. Il numero dei negativizzati è invece passato da 101 a 112 (+11), mentre il numero dei decessi complessivi in terra scaligera è salito a 205, con 3 nuove morti avvenute in ospedali veronesi per pazienti acuti, nello specifico 1 morto in Borgo Roma e 2 all'ospedale "Sacro Cuore Don Calabria" di Negrar.

Da segnalare il calo dei soggetti sottoposti alla misura dell'isolamento domiciliare, tra positivi al virus e relativi contatti: alle ore 20 di ieri sera vengono indicati 18.866 soggetti, rispetto ai 19.595 delle 24 ore precedenti. In terra veronese si è passati da 2.524 a 2.521 (-3). Un dato certamente importante e che lascia un minimo ben sperare è ancora una volta la conferma del trend in calo dei ricoveri ospedalieri in Veneto, in particolare questa volta nelle terapie intensive. Nel complesso sono 1.579 le degenze (-17 rispetto a ieri), di cui 1.579 in area non critica (+2) e 297 in terapia intensiva (-19). Un calo che si conferma anche per quel che riguarda la situazione dei ricoveri negli ospedali per acuti scaligeri, dove il totale delle degenze è oggi 583 (-2), di cui 495 in area non critica (+8) e 88 in terapia intensiva (-10).

Scendendo nel dettaglio della situazione dei ricoveri in terra veronese, oggi troviamo in Borgo Roma 69 pazienti in area non critica (-1) e 22 in terapia intensiva (dato stabile), mentre in Borgo Trento salgono a 36 i ricoveri in area non critica (+4) e calano a 25 le terapie intensive (-6). L'ospedale di Legnago ospita ora 63 pazienti in area non critica (-3) e resta stabile a quota 7 il numero dei ricoveri in intensiva, mentre il Covid hub di Villafranca vede salire a 116 i ricoveri non critici (+6) e restare stabile a quota 13 il numero di pazienti gravi. La struttura di Marzana conferma poi il suo numero di ricoveri in area non critica con 46 persone accolte, mentre si aggiunge alla lista dei presìdi con pazienti Covid-19 anche l'ospedale di Bussolengo che oggi conta 5 persone in area non critica. L'ospedale di Malcesine conferma poi il suo unico ricovero in area non critica, mentre a Negrar salgono ad 86 i pazienti in area non critica (+3) e calano a 6 i ricoveri in terapia intensiva (-4). Chiude il quadro veronese infine l'ospedale Pederzoli di Peschiera del Garda che conferma entrambi i dati relativi ai ricoveri, con 44 pazienti non gravi e 9 in terapia intensiva.

In tutto il Veneto si è poi passati da 625 pazienti dimessi alle ore 17 di ieri sera, agli attuali 634 con 9 ulteriori dimissioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(FONTE DATI REGIONE VENETO)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Partire da Verona: le info utili per come raggiungere l'aeroporto

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Focolaio di Covid-19 a Verona: marito ricoverato e famiglia messa in quarantena

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • 'Ndrangheta in provincia di Verona dai primi anni '80: l'operazione scattata all'alba

Torna su
VeronaSera è in caricamento