Salgono a 422 i ricoveri per il virus a Verona, 88 in intensiva. In 24 ore 9 morti nel Veronese

Nel territorio scaligero il numero di soggetti positivi sale a 1.147, facendo registrare lo scarto differenziale più alto in regione (+48). In tutto il Veneto sono 5.638 i soggetti positivi rilevati

Coronavirus - ospedale

Secondo i dati forniti dalla Regione Veneto e aggiornati alle ore 17 di oggi, lunedì 23 marzo, i casi di soggetti positivi al coronavirus "Sars-CoV-2" sono saliti a livello regionale a quota 5.638 (+133 rispetto a stamattina). Nella sola provincia di Verona i casi sono aumentati a 1.147, segnando ancora una volta l'incremento differenziale maggiore in regione (+48) e consolidando così il secondo posto per numero di casi dopo Padova (1.312, escluso il cluster di Vo' fermo a 83 casi).

Per quanto riguarda i ricoveri ospedalieri si è avuto un importante aumento in tutta la regione, passando dai 1.487 di stamattina agli attuali 1.599 (+112), di cui 1.305 in area non critica (+99) e 294 in terapia intensiva (+13). Nella sola provincia di Verona i ricoveri totali sono ora 422 (+33 rispetto a stamattina), di questi 334 in area non critica (+32) e 88 in terapia intensiva (+1).

In una giornata dove nel Veronese si erano già registrati 3 nuovi decessi rispetto a ieri, si vanno purtroppo ad aggiungere in riferimento a stamattina altri 18 morti positivi al coronavirus in tutto il Veneto, di cui 4 all'ospedale di Borgo Roma e 2 all'ospedale di Legnago. I pazienti ricoverati nel territorio veronese sono al momento così distribuiti: 78 in area non critica (-3) e 18 in terapia intensiva (dato stabile) all'ospedale di Borgo Roma, mentre in quello di Borgo Trento sempre in città sono 48 i ricoveri in area non critica (-1) e 36 quelli in terapia intensiva (+2). L'ospedale di Legnago ospita poi 39 ricoveri in area non critica (dato stabile) e 8 in terapia intensiva (dato stabile), mentre quello di San Bonifacio accoglie 7 persone in area non critica (+1) e 0 in terapia intensiva (-1). La struttura ospedaliera di Villafranca di Verona, scelta quale "Ospedale Covid" è arrivata ad oggi ad ospitare ben 97 pazienti in area non critica (+35 rispetto a stamane) e 12 in terapia intensiva (dato stabile). Infine, vi sono 46 pazienti in area non critica (dato stabile) e 8 in terapia intensiva (dato stabile) all'ospedale di Negrar, mentre in quello di Peschiera del Garda troviamo gli stessi numeri di questa mattina: 19 pazienti in area non critica e 6 in terapia intensiva.

Come detto, purtroppo, sono saliti di 18 unità i decessi in tutto il Veneto, portando il computo totale a 210. Nel territorio veronese i morti fino ad ora sono stati 47. Crescono nel complesso anche le dimissioni, oggi arrivate a quota 339 (+12 rispetto al mattino).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(FONTE DATI REGIONE VENETO)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Zoppicando attira l'attenzione dei carabinieri, aveva 19 dosi di eroina negli slip

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

Torna su
VeronaSera è in caricamento