Sboarina: «Bozza nuovo decreto priva degli interventi necessari. Zero multe a Verona nel weekend»

Il sindaco di Verona: «Se non vengono messi nero su bianco dal governo gli interventi a favore delle amministrazioni locali, non si riescono nemmeno a dare delle risposte ai cittadini»

 

Il sindaco di Verona Federico Sboarina, nel corso del consueto punto stampa di oggi, lunedì 11 maggio, dedicato all'emergenza coronavirus ha spiegato di aver svolto una video conferenza in mattinata con gli altri sindaci dei capoluoghi di provincia in Veneto: «Nella bozza del nuovo decreto che sta circolando in queste ore non riscontriamo quelli che sono gli interventi necessari per le amministrazioni locali per fronteggiare i problemi di carattere economico, perciò in un comunicato congiunto noi sindaci veneti esprimiamo al governo tutta la nostra preoccupazione».

Il primo cittadino scaligero ha quindi aggiunto: «Abbiamo ribadito la richiesta di essere ricevuti ed ascoltati dal premier Conte che avevamo già fatto una decina di giorni fa. Noi riteniamo che la situazione sia molto problematica, anche per andare incontro alle richieste dei cittadini, dei commercianti, ma se non vengono messi nero su bianco dal governo gli interventi a favore delle amministrazioni locali, non si riescono nemmeno a dare delle risposte ai cittadini e, drammaticamente, ogni giorno che passa è un giorno perso».

Sboarina: «Servono tempi certi»

Altro tema molto importante sollevato dal sindaco di Verona è quello legato alle tempistiche: «Oggi non ci sono tempi certi su qualunque cosa, nemmeno sul decreto che vedremo poi quando sarà emanato, ma non c'è un tempo certo sulla data delle riaperture, nemmeno per gli spettacoli o le manifestazioni fieristice che per noi sono fondamentali. Ci stiamo tutti arrangiando, - ha quindi sottolineato Sboarina - su dei protocolli che stiamo "immaginando", su quelli che potrebbero essere i limiti che le persone potrebbero incontrare quando entreranno in un museo o in un luogo chiuso, o come stare in un bar o ristorante nel momento in cui venissero aperti o, all'aperto, su quale sarà effettivamente il distanziamento dei tavolini. Ad oggi di questo non c'è ancora nulla, - ha aggiunto Sboarina - e voi capite che se la data dovesse essere, come auspichiamo, il 18 maggio, ebbene, i commercianti devono anche prepararsi e oggi è già l'11 maggio».

Per il 2020 40/50 posti di lavoro persi

Il sindaco ha poi riferito alcuni numeri sul lavoro forniti dal professor Tiziano Barone di Veneto Lavoro: «Nel 2020, - ha spiegato Sboarina - si parla di una perdita di circa 40/50mila posti di lavoro, stiamo parlando di decine di migliaia di posti di lavoro che vengono persi, ma anche dei tanti contratti di lavoro a termine che scadono a giugno e non vengono qui calcolati. E dalle loro rilevazioni, la grande maggioranza dei posti di lavoro che vengono persi sono legati alla filiera del turismo e del commercio».

Controlli e contagi a Verona

Il sindaco ha poi affrontato il tema dei controlli in città: «Ho sempre detto che avremmo prestato grande attenzione nei controlli circa l'uso delle mascherine e il rispetto delle norme anti contagio come il "distanziamento sociale", perché questa è la nostra arma per andare avanti e uscire da questa pandemia. Ieri sono stati controllati 147 persone e 62 esercizi commerciali, mentre sabato sono stati controllati 197 persone e 167 esercizi commerciali e nessuno è stato sanzionato né sabato e né domenica. Devo dire che io stesso ieri ho incontrato molte persone e ho visto tante mascherine e la risposta è stata molto positiva».

Il sindaco ha poi sottolineato che nel bollettino sui contagi fornito dall'Azienda Zero per la prima volta nella serata di ieri il numero relativo ai dato del differenziale dei tamponi positivi totali a Verona rispetto alle 12 ore precedenti era uguale a "0": «Questo non significa che non ci siano contagiati nella nostra città, ma è sicuramente il frutto dell'impegno di tutti i cittadini, per questo torno a ribadire che i comportamenti che ho visto nel fine settimana sono importanti ed è un elemento molto positivo, ma facciamo comunque sempre attenzione».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento