Colpito dal Coronavirus: morto l'ex direttore amministrativo di Riello

Si chiamava Italo Balbinot e aveva 75 anni: si trovava nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Belluno dove era stato ricoverato a seguito della contrazione del Covid-19

Italo Balbinot

Si è spento a 75 anni Italo Balbinot, originario di San Giacomo di Veglia. Il decesso è giunto venerdì mattina nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Belluno dove era stato ricoverato a seguito della contrazione del Coronavirus nelle scorse settimane, come riferiscono i colleghi di TrevisoToday. 
Figura storica delle bocce a livello veneto, in passato era stato presidente provinciale e regionale della Federazione volo oltre che primo presidente della società Veglia con cui per 30 anni ha organizzato una nota gara nazionale di bocce. Al di fuori dello sport, Balbinot aveva iniziato la sua carriera lavorativa in Zanussi e poi per ben 15 anni era stato direttore amministrativo alla Riello nella sede di Legnago. Il 75enne lascia la moglie Maria e il figlio Fabio, oltre ai tantissimi amici e ai giovani che era da sempre solito introdurre a questo sport della tradizione veneta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

Torna su
VeronaSera è in caricamento