Nuova ordinanza regionale in Veneto, Zaia: «Obbligo di guanti e mascherina per entrare in tutti i negozi»

Il governatore: «Al supermercato si va con mascherina e guanti o comunque verificando la copertura di naso e bocca»

 

«Adesso la sfida è tutta nostra, non dobbiamo abbassare la guardia, per questo chiedo ancora sacrifici ai veneti, ma è un sacrifico che è un grande investimento», così il governatore del Veneto Luca Zaia nel corso dell'odierna conferenza stampa dedicata all'attuale emergenza sanitaria. 

Il governatore Zaia ha quindi annunciato di aver rinnovato l'ordinanza regionale con le relative restrizioni per contenere il contagio fino al 13 aprile: «In Veneto non si va al supermercato la domenica, - ha spiegato il presidente Zaia - restano poi le distanze di 200 metri all'interno delle quali c'è la possibilità di fare attività motoria individuale, sgranchirsi le gambe, ma che non sia attività di gruppo, se uno ha il bimbo da portar fuori lo fa (resta invece vietato a Verona dove vige l'ordinanza sindacale anch'essa prorogata al 13 aprile ndr)».

Il governatore ha poi elencato anche delle nuove misure, una in particolare che riguarda i mercati alimentari all'aperto (chiusi anch'essi in toto a Verona ndr): «I mercati alimentari all'aperto, - ha detto Zaia - devono avere un piano di gestione, se no chiudono. Qual è il piano? Punto primo, in caso di mercati all'aperto devono essere perimetrati, transennati o con dei nastri, in maniera tale che vi sia la presenza di un unico varco di accesso. Abbiamo anche pensato di chiuderli, ma ci pareva un brutto segnale, soprattutto nei paesetti dove magari hanno solo quello per rifornirsi, quindi aperti ma perimetrati. Vi deve poi essere controllo di vigilanza pubblica o privata perché si rispettino le distanze di sicurezza. Infine per i venditori e compratori nel mercato all'aperto vige l'obbligo di guanti monouso e mascherine, o comunque garantendo la copertura di naso e bocca». 

Un'altra novità dell'ordinanza presentata dal governatore riguarda la vendita dei prodotti florovivaistici che, ha deto Zaia, «è vietata salvo la vendita a domicilio». Tutto il dibattito sugli assembramenti verso i garden, ha poi specificato il governatore, «viene così chiuso da questa ordinanza». Zaia ha poi sottolineato che la nuova ordinanza impone «l'obbligo a tutti gli esercizi commerciali, anche all'aperto, di ammettere e fare circolare solo soggetti con mascherina e guanti, al supermercato si va con mascherina e guanti o comunque verificando la copertura di naso e bocca. Non esiste, - ha aggiunto Zaia - che si vada al supermercato "alla libera". Anche i guanti perché toccare il pacco di pasta che poi magari non compro e lascio lì, anche questo può veicolare il virus. Quindi è giusto che i guanti diano asetticità a tutti quelli che si approvvigionano, per cui tutti con i guanti e indossando la mascherina». 

Il governatore Zaia ha poi evidenziato un provvedimento della nuova ordinanza che, a differenza delle norme nazionali, risulta in questo caso più permissivo in Veneto: «Nei supermercati si possono acquistare i prodotti di cancelleria. È capitato anche a me, - ha detto Zaia - di trovare supermercati con le file transennate dove si vendono i materiali di cancelleria, io questa cosa non la capisco. Questa merce si deve vendere, per dare modo in particolare ai ragazzi di fare le loro attività».  

Il post dell'assessore regionale alla protezione civile Bottacin con la nuova ordinanza firmata dal governatore Zaia

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento