In bicicletta da Verona a Firenze: la Regione promuove l'itinerario cicloturistico

Si tratta di circa 300 km che corrono lungo il Mincio, attraversano il Po a San Benedetto Po, seguendo il corso prima del fiume Secchia e poi del Panaro, scendendo lungo la valle del Reno per collegarsi, superati gli Appennini, alla ciclabile sull’Arno

Accordo tra ministero ai Beni culturali e al Turismo, le quattro regioni interessate, l’Ente nazionale turistico e la Federazione italiana Amici della bicicletta per promuovere l’itinerario cicloturistico Verona-Firenze: oggi gli assessori regionali al turismo di Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Toscana, insieme ai massimi rappresentanti delle province coinvolte, si sono confrontati con i referenti di Enit, del ministero del Turismo e del ministero delle Infrastrutture e la FIAB per mettere a punto il piano di valorizzazione e di promozione del ‘tour’ che collega la città scaligera con la città di Giotto e di Dante. Un percorso di circa 300 chilometri, di fatto già esistente, che corre lungo il Mincio, attraversa il Po a San Benedetto Po, segue il corso prima del fiume Secchia e poi del Panaro, scende poi lungo la valle del Reno e si collega, superati gli Appennini, alla ciclabile sull’Arno.

Il Veneto – dichiara l’assessore al turismo Federico Caner – ha già investito molto sul cicloturismo: mille chilometri di piste tabellate e segnate, milioni di presenze ogni anno di appassionati di questa forma di turismo slow, una guida “Veneto in bicicletta” arrivata quest’anno alla seconda edizione e che già segnala il primo tratto della Verona-Firenze, cioè la ciclabile del Mincio, tra Peschiera e Mantova. Abbiamo quindi aderito con convinzione a questo progetto che estende la rete dei percorsi naturalistici e culturali per le due ruote e potenzia la nostra offerta turistica per i cicloamatori. Il Veneto può essere considerato la ‘capitale’ della bicicletta – prosegue Caner – non solo per l’estensione e la qualità della propria rete di percorsi ciclabili, ma anche perché vero e proprio distretto economico della produzione di bici, accessori e abbigliamento. E’ un mondo, quello delle due ruote, da promuovere in tutte le sue valenze e che dimostra di godere di un numero sempre crescente di appassionati, soprattutto nei paesi del Centro e del Nord Europa”.

L’impegno promozionale assunto dalla Regione Veneto non sarà solo quello di far conoscere e promuovere il percorso ciclabile dall’Adige all’Arno ma anche di collaborare con le amministrazioni locali e gli operatori turistici di Lombardia, Emilia Romagna e Toscana per offrire anche un ‘pacchetto turistico’ completo lungo il percorso, costituito da luoghi di ristoro e di accoglienza, punti di assistenza tecnica, proposte culturali e percorsi enogastronomici.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Donna trovata morta in Borgo Roma all'interno della propria abitazione

  • Cronaca

    Ozono in città, rilevato da Arpav il primo superamento della soglia di informazione

  • Incidenti stradali

    Scontro tra un furgone e una moto nella notte a Mozzecane: muore centauro

  • WeekEnd

    Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 20 al 22 luglio 2018

I più letti della settimana

  • Maltempo nel Veronese, Cia: "Distrutti frutteti e seminativi della Bassa"

  • Tamponata in A4, l'auto finisce in tangenziale: due donne ferite, una è grave

  • Tamponamento in A4 tra bus, tir e auto: due adulti e due bambini feriti

  • Scontro tra due auto sul raccordo della Tangenziale: un morto e un ferito

  • Un uomo si lancia nell'Adige da ponte Garibaldi: scattano subito le ricerche

  • Incidente di Nassar, è morta la passeggera della moto finita contro un'auto

Torna su
VeronaSera è in caricamento