Richiuso lo scolmatore Adige-Garda, preoccupano fango e detriti riversati nel lago

Ha salvato Verona da una possibile esondazione del fiume Adige, ma l'apertura della galleria Adige-Garda ha comportato per il lago la necessità di ospitare anche fanghi e detriti

Scolmatore Adige-Garda - foto frame video Comunità del Garda

È stato richiuso lo scolmatore Adige-Garda che, dalla mezzanotte circa di martedì 30 ottobbre e fino alla sua chiusura, ha scaricato nel più grande lago italiano 350 metri cubi al secondo di acqua dell'Adige, salvando in questo modo la città di Verona dall'esondazione.

A renderlo noto è stata la "Comunità del Garda" che ha sede nel Comune di Gardone in provincia di Brescia. La galleria-scolmatore di Torbole in Trentino, era stata utilizzata l'ultima volta 18 anni fa. La galleria Adige-Garda è un canale scolmatore artificiale che scorre all'interno di una galleria lunga circa 10 chilometri. Il suo scavo iniziò nel 1937 e fu concluso nel 1959.

Le dichiarazioni di Maria Stella Gelmini, presidente Comunità del Garda: «Il lago non è una palude»

Lo scolmatore rende possibile il deflusso di parte delle acque del fiume Adige direttamente nel lago di Garda, una procedura che viene impiegata appunto solo in caso di pericolo di inondazioni nel Basso Trentino e Alto Veronese.

Il video di VisitMalcesine che testimonia l'irruenza del deflusso nel lago delle acque dell'Adige

Si tratta, tuttavia, di una misura emergenziale che comunque non è esente da ripercussioni per il lago stesso. Anche in quest'ultima circostanza, infatti, nel bacino del Garda sono finiti migliaia di metri cubi di fanghiglia e detriti del fiume, i quali hanno finito con il ricoprire di enormi chiazze marroni le acque azzurre lacustri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Di fronte al pericolo di allagare Verona e creare problemi di sicurezza a persone e cose, il lago - spiega in una nota la "Comunità del Garda" - si è accollato il sacrificio di "ospitare" per alcune ore le acque dell'Adige. Una misura eccezionale che confidiamo non comprometterà la qualità delle acque del lago».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • In 24 ore 15 morti positivi al virus nel Veronese: frenano contagi e ricoveri. Veneto: 9.177 casi

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • Coronavirus: a Verona crescono casi positivi e decessi: ricoveri ancora in calo

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus in Borgo Roma: calo ricoveri in intensiva nel Veronese

  • Covid-19, altri 33 tamponi positivi in provincia di Verona. Aumentano anche i "negativizzati"

Torna su
VeronaSera è in caricamento