Caporalato, 49enne veronese patteggia due anni e mezzo di carcere

Dovrà anche pagare una multa di 18mila. Per l'accusa era a capo di un'organizzazione che reclutava lavoratori per farli lavorare anche 11 ore al giorno e pagandoli 5 euro l'ora

I lavoratori sfruttati dai caporali (Foto di repertorio)

In quattro hanno patteggiato ed uno è stato assolto. Si chiude così il capitolo giudiziario dell'operazione Agri Jobs, con cui i carabinieri per la tutela del lavoro avevano smantellato una rete di caporali, di cui faceva parte anche un 49enne veronese. Le iniziali dell'imputato scaligero sono G.P. e per la Procura di Firenze era lui il capo dell'organizzazione che reclutava operai, prevalentemente stranieri, per farli lavorare nell'agricoltura o nell'edilizia, con turni di lavoro anche di 11 ore al giorno e con paghe che variavano dai 4 ai 5 euro l'ora. 

G.P. ha patteggiato una pena di due anni e sei mesi di reclusione, come scritto su Toscana Media News, e dovrà pagare una multa di 18mila euro. Pene più lievi per gli altri tre accusati, la cui pena è stata sospesa con la condizionale. Assolto, invece, nel processo con rito abbreviato l'uomo che per l'accusa sarebbe stato il contabile dell'organizzazione, il quale però è stato giudicato innocente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma in campagna, un mezzo agricolo si ribalta: morto un uomo

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'11 al 13 ottobre 2019

  • La "pacchia" è finita in tangenziale Nord a Verona: entra in funzione il nuovo autovelox

  • Camion sfonda il guard rail: traffico in tilt in autostrada e tangenziale

  • Scavalca una siepe e vola sulle auto parcheggiate dall'altro lato del piazzale

  • Nuovo autovelox in Tangenziale Nord, 366 multe nelle prime 12 ore

Torna su
VeronaSera è in caricamento