Caldiero, sequestrato centro massaggi trasformato in casa d'appuntamenti

L'operazione di contrasto allo sfruttamento della prostituzione è dei carabinieri di Colognola ai Colli. Denunciata la proprietaria, una 40enne cinese. Due le dipendenti che oltre ai massaggi proponevano prestazioni sessuali

I carabinieri di Colognola ai Colli hanno sequestrato preventivamente un centro benessere a Caldiero nell'ambito di un'operazione di contrasto allo sfruttamento della prostituzione.

Il centro, gestito da una 40enne di origine cinese già nota alle forze dell'ordine, era diventato una sorta di casa d'appuntamenti. Ai clienti le due dipendenti, anch'esse cinesi, proponevano, oltre ai consueti massaggi, anche prestazioni sessuali con tanto di tariffario.

I carabinieri hanno avuto riscontri alle informazioni acquisite nei giorni precedenti attraverso dei servizi di osservazione. I militari si sono presentati al centro benessere come normali clienti ed anche a loro le ignare dipendenti hanno rivolto esplicitamente le proposte a sfondo sessuale.

Le prove raccolte hanno consentito ai carabinieri di procedere alla perquisizione e al sequestro dell'immobile. La proprietaria è stata denunciata in stato di libertà per sfruttamento della prostituzione e per le due dipendenti è stata avviata la procedura per l'emissione del foglio di via obbligatorio dal comune di Caldiero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Morto a 53anni sulla A22: forse un colpo di sonno la causa dello schianto

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Auto si schianta contro un tir sulla A22: perde la vita un uomo di 53 anni

Torna su
VeronaSera è in caricamento