Bovolone, lavori del Consorzio di Bonifica per arginare le piene del Menago

Le opere prevedono la realizzazione di due casse di laminazione pensate per le piene causate da precipitazioni di forte intensità

Il Consorzio di Bonifica Veronese ha dato il via ad un importante intervento di sicurezza idraulica per ridurre le portate di origine meteorica che confluiscono dalle condotte fognarie di Bovolone nel fiume Menago e nello scolo Menaghetto. Scopo dell’intervento è quello di arginare le situazioni di piena ed evitare problemi di allagamento per i centri abitati circostanti.

"Negli ultimi anni - ha spiegato il presidente del Consorzio di Bonifica Veronese Antonio Tomezzoli - si sono ripetute situazioni critiche, che hanno provocato la tracimazione del fiume Menago a valle della località Montagne a fianco del centro urbano e l’allagamento di strade e aree residenziali in località Crosare, in particolare in aree vicine allo scolo Menaghetto, ricettore della fognatura urbana. Per questo motivo abbiamo deciso di intervenire in maniera radicale".

Queste situazioni, che una volta erano episodiche, tendono a ripetersi sempre più frequentemente a causa dalle mutate condizioni climatiche che determinano condizioni di precipitazioni sempre più estreme, dando origine alle cosiddette bombe d’acqua.

"Parliamo di precipitazione di breve durata ma di intensità estrema - ha spiegato Tomezzoli - che causano deflussi tali da non risultare compatibili con le capacità attuali di portata dei corpi idrici ricettori, determinando pericolosi allagamenti ed esondazioni in aree urbane e agricole".

Le opere che sta realizzando il Consorzio di Bonifica prevedono la realizzazione di due casse di laminazione pensate proprio per arginare le portate di piene causate da precipitazioni di forte intensità. La prima delle due casse, del volume di più di 19 mila metri cubi, verrà realizzata immediatamente a valle dello scarico della zona industriale di Bovolone sul fiume Menago, in località Montagne. La seconda, del volume di 7 mila metri cubi, verrà realizzata per ricevere le portate dell’area residenziale che recapita nello scolo Menaghetto in località Crosare. Questo secondo intervento, che prevede anche lavori di riqualificazione ambientale come la piantumazione di aree boscate, sarà attuato in coordinamento con Acque Veronesi, che ha previsto uno studio di fattibilità per il potenziamento della rete fognaria.

Il costo complessivo dell’intero intervento è di 500mila euro, dei quali 250mila a carico del bilancio regionale e 250mila cofinanziati dal Comune di Bovolone. I lavori sono previsti in conclusione per il prossimo febbraio 2017.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Senza cinture al momento dello scontro: grave la bimba, indagata la madre

Torna su
VeronaSera è in caricamento