Bovolone, anziana mette soldi e ori in frigo e un finto tecnico li porta via

Il truffatore ha fatto credere alla vittima che gli oggetti preziosi avrebbero potuto interferire con le attività di riparazione di un guasto che in realtà non c'era

Contatore dell'acqua (foto di repertorio)

Truffatori in azione in provincia di Verona in questo mese di febbraio. Giovedì scorso, 7 febbraio, l'ultimo colpo messo a segno, a danno di una coppia di anziani che vive in via Caltrane a Bovolone, ma nei giorni precedenti erano stati raggirati anche una donna di 82 anni a Villa Bartolomea e un pensionato a Sona.

Le vittime di Bovolone sono una coppia di 72 e 66 anni. I truffatori, almeno due, gli hanno portato via soldi e ori fingendosi tecnici dell'acquedotto. Ai carabinieri è stata fatta denuncia e i militari sono al lavoro per rintracciare i malviventi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A raccontare come si sono svolti i fatti a L'Arena è stata la donna di Bovolone, perché il marito non ha assistito al raggiro, trovandosi in un'altra stanza della casa. La vittima ha raccontato di aver aperto il cancelletto di casa al finto addetto dell'acquedotto, il quale aveva detto di trovarsi lì per una normale lettura dei contatori. L'uomo ha poi ipotizzato una possibile rottura della conduttura, chiedendo all'anziana di entrare in casa. Il truffatore ha aperto il rubinetto della cucina e di nascosto ha spruzzato una sostanza nell'aria. La donna ha così sentito un odore forte e sgradevole, iniziando a tossire. Per il finto tecnico quella era la prova del guasto che con un suo collega avrebbe risolto dall'esterno. I due complici erano in contatto attraverso una radiolina e hanno detto che gli oggetti metallici nella casa avrebbero potuto interferire con la riparazione. In questo modo, il truffatore ha convinto l'anziana a mettere soldi e oggetti preziosi in una busta in frigo. Nella spiegazione del malvivente il frigo avrebbe fatto da schermo. La donna intanto è andata a chiedere ai vicini se anche loro avevano dei problemi, ma intanto il finto tecnico si era già impossessato della busta di preziosi messa in frigo ed è scappato con il complice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

  • Mistero a Cerea, scoperti 17 morti in cimitero sepolti senza autorizzazione

Torna su
VeronaSera è in caricamento