Botti di fine anno: l'Associazione Pirotecnica Italiana diffida i Comuni che li vietano

Le ordinanze, a dire dell’ASS.P.I., dovrebbero contenere un chiaro distinguo tra “botti illegali”, sicuramente pericolosi e “articoli pirotecnici legali” che per essere immessi sul mercato devono superare rigidi test legati alla sicurezza e alla rumorosità

Botti si o botti no? La notte del 31 dicembre, quella chiude l'anno trascorso e introduce quello nuovo, si contraddistingue anche per l'uso di petardi e fuochi d'artificio nei festeggiamenti. In diversi comuni veronesi, i sindaci si sono affidati ad un'ordinanza per limitarne l'uso, a volte sconsiderato, di questi prodotti, che nelle mani sbagliate possono provocare danni alle persone e infastidire gli animali. L'Associazione Pirotecnica Italiana però non ci sta, sostenendo il diritto di utilizzare, e quindi commerciare, i petardi che rispettano la normativa in questo tema. Ecco la nota diffusa: 

L’ASS.P.I. (ASSOCIAZIONE PIROTECNICA ITALIANA) associazione nazionale rappresentativa della categoria pirotecnica ha inviato a firma del suo Presidente Dr. Nobile VIVIANO un Atto di Diffida a tutti i Sindaci che hanno emanato un ordinanza di divieto assoluto di vendita e di utilizzo di qualsiasi articolo pirotecnico.

Le ordinanze, a dire dell’ASS.P.I., dovrebbero contenere un chiaro distinguo tra “botti illegali”, sicuramente pericolosi e “articoli pirotecnici legali” che per essere immessi sul mercato devono superare rigidi test legati alla sicurezza e alla rumorosità garantendo, quindi, se usati correttamente, la tutela dei consumatori, della flora e della fauna, quindi degli animali.

L’ASS.P.I. ritiene pericoloso il fatto che ordinanze di divieto generico, vanno ad agevolare indirettamente il mercato sommerso ed illecito fatto di prodotti potenzialmente molto pericolosi, tutto questo a danno degli operatori legali di settore, autorizzati con tanto di licenza prefettizia, che subiscono gravi danni in immagine ma anche economici registrando grossi cali nelle vendite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel ricordare che il settore pirotecnico è garanzia di posti di lavoro per molte persone, l’ASS.P.I. a gennaio è pronta a tirare le somme e ad adottare tutte le misure e le iniziative del caso non escludendo una richiesta ai Sindaci dei danni economici subiti.

ATTO DI DIFFIDA

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

  • Un successo la spesa a Km Zero a domicilio dei produttori veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento