Bauli scopre l'India, inaugurata la nuova fabbrica per produrre croissant a Baramati

Nel giro di tre anni quello indiano, nei progetti del gruppo Bauli, dovrebbe diventare il secondo mercato più importante a livello mondiale dopo quello italiano

Bauli ha inaugurato oggi la sua prima fabbrica di croissant a Baramati in India, con un investimento iniziale di 34 milioni di euro: è il primo passo di un piano complessivo da 80 milioni in 5 anni. È quanto afferma un portavoce del Gruppo di Castel d'Azzano, presente nel Paese asiatico dal 2009 in joint-venture con Dream Bake.

«Questa è il nostro primo impianto di proprietà completamente fuori dall'Italia», ha dichiarato il vicepresidente esecutivo del gruppo Michele Bauli. L'amministratore delegato Stefano Zancan ha poi specificato che il gruppo prevede di fare dell'India nei prossimi tre anni il secondo più grande mercato, proprio dopo quello italiano.

Il nuovo impianto è in grado di sfornare 12 mila tonnellate di croissant, che diventeranno 17 mila a regime. Attualmente Bauli è presente in 70 paesi con circa 200 prodotti e l'ad Zancan non ha nascosto la volontà di crearne di nuovi: «Il mercato dei biscotti è molto saturo e non vogliamo fossilizzarci. Stiamo pensando di lanciare dei "dolci morbidi" il prossimo anno, ma guarderemo anche altri prodotti possibilmente nel segmento salato».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il panettone più buono secondo Iginio Massari? Lo produce un pasticciere veronese

  • Incidente mortale a Verona: auto contro un muro, perde la vita un 47enne di Cerea

  • L'auto finisce contro un muro: muore padre di due bambine nell'incidente a Ca' di David

  • Tocca il cordolo in moto, cade e muore: la stanchezza la possibile causa

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 13 al 15 settembre 2019

  • Incidente a Sant'Ambrogio di Valpolicella: muore motociclista dopo la caduta

Torna su
VeronaSera è in caricamento