homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Era diventato un ritrovo per prostitute, il Freccia Nera chiude per 15 giorni

Quel bar era diventato luogo di ritrovo per gente di malaffare. Il questore di Verona ha sospeso per 15 giorni la licenza del Bar Freccia Nera a Bosco di Sona

Quel bar era diventato luogo di ritrovo per gente di malaffare. Il questore di Verona ha sospeso per 15 giorni la licenza del Bar Freccia Nera a Bosco di Sona, a gestione cinese, per la costante presenza al suo interno di soggetti con precedenti per furto, rapina, ricettazione, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.
Una situazione di degrado e di allarme sociale della quale i cittadini residenti si erano lamentati, manifestando uno scarso senso di sicurezza. Il provvedimento è stato notificato stamani dagli agenti della Sezione Antiprostituzione e della Polizia Amministrativa e Sociale alla titolare, una cittadina cinese di 31 anni, legale rappresentante del locale.

"Si tratta provvedimento assolutamente necessario - ha spiegato il dirigente della squadra mobile scaligera Giampaolo Trevisi - perchè avevamo visto grazie ai controlli che il Freccia Nera era diventato un luogo di ritrovo per pluripregiudicati e prostitute. Numerose le proteste dei residenti che avevano evidenziato la situazione di degrado. Quindi il nostro intervento era assolutamente necessario.
"Il questore - ha precisato Trevisi- ha applicato l'articolo 100, la chiusura dell'esercizio per quindici giorni, lo stesso provvedimento adottato per l'Alterego. Si tratta di un segnale molto forte a livello amministrativo".
 
Inoltre, una sala slot" vicina al bar Freccia Nera, è stata controllata dagli agenti della squadra mobile, i quali hanno accertato che al banco non c'era nè il titolare, nè la persona preposta, così come prescrive la normativa vigente. Un verbale di contestazione sarà notificato appena possibile al titolare della stessa sala slot, che dovrà pagare la multa di oltre mille euro.
Una modica quantità di marijuana è stata sequestrata a  carico di un avventore che sarà segnalato alla prefettura locale.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Tamponamento tra auto e moto: grave il centauro trasferito a Borgo Trento

    • Cronaca

      Trovata morta in un campo a Vallese la donna scomparsa da casa

    • Cronaca

      Monaco. Una veronese nel centro commerciale della strage: "È stato allucinante"

    • WeekEnd

      Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 22 al 24 luglio

    I più letti della settimana

    • Cerca di rubare la pistola ai carabinieri, poi li minaccia e inneggia all'Isis

    • I timori sono stati confermati, la nuova Ferroli riparte con seicento esuberi

    • Si ribalta un trattore a San Giovanni Ilarione: morta una persona

    • Nuovo colpo in farmacia a San Massimo: la Polizia arresta due rapinatori

    • Emergenza profughi. Ecco come sarà distribuita l'accoglienza in provincia

    • McDonald’s apre un nuovo punto in provincia e assume 30 dipendenti

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento