Bar Cristallo, nuova ordinanza del sindaco: resterà aperto solo di giorno

Da sabato 20 luglio, e per i prossimi 30 giorni, il locale potrà aprire non prima delle 8 e dovrà chiudere tassativamente non oltre le 20: a stabilirlo è stato ancora il primo cittadino di Verona, Federico Sboarina

I sigilli posti dalla Questura al Bar Cristallo

Altri 30 giorni di chiusura anticipata per il Bar Cristallo di vicolo Volto San Luca. Lo ha stabilito il sindaco Federico Sboarina, firmando la nuova ordinanza che impone all’esercizio di tenere aperto esclusivamente nella fascia oraria diurna. Quindi da domani, sabato 20 luglio, e per i prossimi 30 giorni, il bar potrà aprire non prima delle 8 e dovrà chiudere tassativamente non oltre le 20.

Questa nuova ordinanza segue il provvedimento della Questura, che aveva imposto la sospensione per 15 giorni dell’attività, e una prima ordinanza del sindaco, emanata il mese scorso. Rimane, quindi, l’obbligo per il bar di rimanere aperto esclusivamente durante il giorno.

Alla base di queste decisioni ci sono le molte segnalazioni e le lamentele giunte da parte di cittadini e residenti che lamentavano una situazione problematica. Il bar, infatti, sarebbe diventato ritrovo abituale di pregiudicati, di persone che abusavano di bevande alcoliche che, talvolta, sarebbero state servite anche a minorenni. Una situazione che, in più di un’occasione, ha compromesso l’ordine e la sicurezza pubblica, soprattutto nelle ore notturne, quando l’esercizio era stato teatro di liti, risse e danneggiamenti.

L’attuale normativa, in particolare gli articoli 50 e 54 del Testo unico degli enti locali, permette ai sindaci di intervenire in caso di criticità, con ordinanze contingibili e urgenti volte a superare situazioni di grave degrado e decoro urbano, con particolare riferimento alle esigenze di tutela della tranquillità e del riposo dei cittadini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Polizia locale vigilerà sul rispetto delle limitazioni. Nel caso in cui il titolare dell’attività, un cittadino di origine cinese residente a San Bonifacio, non si adeguasse alla riduzione degli orari, scatteranno le segnalazioni alla Procura della Repubblica e la chiusura coatta del locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento