Baby prostitute in Zai: "Brutalità inumana, intervengano Questura e Comune"

Questa la reazione dei consiglieri comunali Ugoli e Segattini, alla notizia dell'arrivo in città di diverse lucciole sotto i 18 anni: "I clienti che sfruttano queste ragazzine non possono non vedere che sono delle bambine"

La nuova realtà della prostituzione veronese, che vede impiegate ragazze sempre più giovani, spesso vere e proprie bambine, deve trovare una risposta ferma e decisa da parte delle istituzioni, Questura e Comune in testa.
Quando il fenomeno, come ci dicono i volontari dell’associazione Papa Giovanni XXIII, coinvolge minori, non siamo più difronte al “mestiere più vecchio del mondo”, ma ad una brutalità inumana che brucia le vite di persone che le istituzioni hanno il dovere morale e giuridico di proteggere.
Quanto sta accadendo ogni notte nelle strade della Zai e dei quartieri limitrofi è una delle più umilianti vergogne per la nostra città e non solo. Chiediamo pertanto al Prefetto, al Questore e al Sindaco un intervento straordinario per fare della repressione della prostituzione minorile una priorità del Comitato di Sicurezza. I clienti che sfruttano queste ragazzine non possono non vedere che sono delle bambine. È necessario arrivare a chi offre coperture e gestisce i traffici.
Con una commissione consiliare chiederemo inoltre uno sforzo straordinario di prevenzione alle amministrazioni: il progetto Sirio per il monitoraggio del fenomeno prostitutivo, che vede capofila il Comune di Venezia e al quale è collegato anche il nostro Comune, non è più sufficiente. Questo inaccettabile degrado esige uno sforzo straordinario delle amministrazioni e la mobilitazione di tutte le reti per il sostegno dei minori sfruttati.

Questa la reazione dei consiglieri comunali del Partito Democratico Luigi Ugoli e Fabio Segattini, in seguito alla pubblicazione su giornale L'Arena di un'inchiesta condotta al fianco dei volontari dell’associazione Papa Giovanni XXIII, che ha portato alla luce l'arrivo in città di diverse prostitute sotto i 18 anni. Queste ragazzine "lavorano" in Zai, attirando clienti italiani e non, in cerca di giovane compagnia. 
Un problema quello del mercato del sesso a Verona che sembra essere sempre più  distante dal trovare una soluzione e l'arrivo sul "mercato" di minorenni disposte a tutto pare confermarlo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Terremoto nella Bassa Veronese: registrate tre scosse ravvicinate

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • «Grassie», la poesia di Roberto Puliero per chi lo ha avuto in cura

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento